Obesità in aumento, tutti i rischi

Si è parlato anche di obesità durante il quarto incontro di ‘Donne che Sanno’ dal titolo Sapere su genetica, stili di vita e prevenzione dei tumori promosso da Fondo Mario e Paola Condorelli e da L’Altra Napoli. L’incontro si è svolto alla presenza di moltissimi esperti, tra cui Elio Riboli uno degli epidemiologi più importanti al mondo sul tema delle malattie tumorali, direttore della Scuola di Sanità Pubblica e docente di Epidemiologia del Cancro presso l’Imperial College di Londra nonché Coordinatore del Corso di Perfezionamento in Epidemiologia per la Ricerca Clinica Università Humanitas di Milano.

Diete basate su intolleranze alimentari, una bufala

Le diete basate sulle intolleranze alimentari sono più efficaci? No si tratta di una bufala. Su questo tema mettono il punto la Società di Italiana di Diabetologia e diverse altre associazioni di nutrizionisti e dietisti italiani. E’ necessario fare corretta informazione, sottolineano con il loro intervento, se si vogliono approcciare in modo esatto obesità e sovrappeso.

Orzo contro obesità e demenza?

Orzo contro obesità, depressione e demenza? Lo suggerisce uno studio recentemente condotto dall’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Il beta- glucano al suo interno infatti sarebbe perfetto per combattere quelle che vengono definite “ malattie da stress sociale“.

Giornata Mondiale diabete, visite gratuite in tutta Italia

Visite gratuite in tutta Italia in occasione della Giornata Mondiale del diabete che si prefigge di puntare i riflettori sulla importanza di riconoscere in tempi brevi i sintomi di una malattia che solamente in Italia colpisce più di 3 milioni di persone. E così, per la settimana che va dal 7 al 13 novembre, sarà possibile sottoporsi a un controllo con medici specializzati che saranno in grado di fornire informazioni utili ed eventualmente individuare già i primi segnali di un disturbo molto più comune di quello che si potrebbe pensare.

Cesareo aumenta rischio obesità nei bambini

Partorire con il cesareo aumenta il rischio di obesità nei bambini. E’ quanto emerge da uno studio condotto dall’Harvard T.Chan School of Public Health (Usa) e pubblicato sulla rivista scientifica Jama Pediatrics. Passati sotto la lente di ingrandimento oltre 22 mila ragazzi nati da più di 15.200 donne e seguiti per anni interi nell’ambito di un progetto mirato a mettere a fuoco il rapporto tra cesareo e problemi di obesità appunto.

Pokemon Go e gli effetti sulla salute

L’app Pokemon go e gli effetti sulla salute: può un programma per smartphone e tablet portare miglioramenti nella vita delle persone che lo utilizzano? Se ci si riflette bene, si scoprirà che la risposta è positiva.

Ictus, 10 fattori di rischio

Sono di diversa tipologia i fattori di rischio dell’ictus. Scopriamoli insieme, ricordando quanto uno stile di vita poco corretto possa effettivamente influenzare la nostra salute più di quanto pensiamo.

10 consigli contro l’obesità e per il pianeta

10 consigli contro l’obesità e per salvaguardare il pianeta. Anche In Italia, grazie alla Fondazione BCFN, si celebra il Food Revolution Day lanciato dalla Jamie Oliver Foundation. L’obiettivo è quello di promuovere un giusto accesso al cibo per tutti e promuovere una sana alimentazione.

Diabete, latte intero protegge dal rischio?

Si potrebbe allontanare il rischio del diabete con il consumo di latte intero. Quella sulla tipologia più adatta di questo alimento da consumare è una battaglia che va avanti da anni: di solito nelle diete viene inserito il latte parzialmente scremato o quello microfiltrato perché meno grasso. Ma se il segreto di una buona salute si nascondesse nel latte intero?

Scoperto ormone che riduce voglia di zuccheri

Gli scienziati americani hanno scoperto un ormone che riduce la voglia di zuccheri nelle persone: una sostanza di cui potremmo avere particolarmente bisogno durante le abbuffate di Natale e che è importante sottolineare sembri avere un’importanza molto forte nella cura di diabete e obesità.

Fegato grasso nei bambini causa cirrosi?

Il fegato grasso nei bambini sarebbe una componente pericolosa perché metterebbe i piccoli nella condizione di essere colpiti con più frequenza da cirrosi. E’ quanto si evince da uno studio internazionale condotto dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica americana Hepatology. La ricerca svela il rapporto tra presenza di grassi nel fegato e comparsa della cirrosi, malattia che colpisce proprio questo organo. E i dati parlano chiaro: i bimbi che hanno un fegato più grasso sarebbero molto più a rischio degli altri.

Expo, Manifesto sulla salute della donna

E’ stato presentato presso Expo 2015 a Milano il “Manifesto sulla salute della donna” un documento appositamente stilato per indicare al Sistema Sanitario Nazionale come imparare a prendersi cura delle esigenze specifiche della salute femminile.