Home » COSTUME & SOCIETA' » Curiosità » Skifidol puzz, le figurine puzzolenti da star male

Skifidol puzz, le figurine puzzolenti da star male

Una volta c’erano le figurine Panini. Si scambiavano, si giocava, rappresentavano i calciatori della serie A italiana ed erano la collezione preferita dei bambini. Poi la moda delle figurine si è espansa a macchia d’olio anche in altri campi, dai film ai cartoni animati, fino alle fiction. Adesso, con i ragazzini di oggi che non si accontentano più della classica vecchia figurina, bisognava inventare qualcosa di più, ed ecco che sono nati gli Skifidol Puzz, delle figurine che rappresentano brutti esseri deformi e puzzolenti, ma che puzzano davvero.

In commercio dal gennaio scorso, Yuri Tantisiluri, Oronzo Petonzo, Raffaella Ascella e i loro compagni hanno avuto subito un gran successo, tanto da finire nelle tasche di centinaia di bambini. La loro caratteristica è che queste, quando vengono strofinate, emanano davvero la puzza che il loro nome promette. E così c’è quella che puzza di vomito, quella che puzza di diarrea, e tantissime altre. Il problema adesso è che alcuni bambini a respirare questi odori si sono sentiti male davvero.

E’ accaduto in una scuola di Torino, la scuola elementare Spinelli, in cui 16 bambini che giocavano con queste figurine hanno accusato diversi malori, tra cui bruciore agli occhi e senso di malessere. Visitati dal 118, si è scoperto che tutti loro erano appassionati di questo genere di figurina, cosa che ha insospettito non poco gli inquirenti. Nel tentativo di vederci chiaro, il procuratore Raffaele Guariniello ha acquisito l’album e le figurine incriminate, e attraverso i Nas ha ordinato il sequestro in tutto il Piemonte delle figurine e il divieto nelle altre zone d’Italia di venderle finché non verrà fatta chiarezza sulla vicenda. Bisogna infatti capire se il problema riguardava soltanto una partita di figurine difettose, se le riguardasse tutte, o se il malessere era dovuto a tutt’altro motivo. Queste le prime parole dell’editore Gedis Edicola di Milano:

Il prodotto è in commercio sin dal mese di Gennaio e sono state vendute ad oggi milioni e milioni di carte senza che mai alcun problema si fosse evidenziato. La puzza che emanano alcune di queste carte deriva da essenze profumate atossiche che rispettano la normativa Uni En 71, presenti a catalogo e pertanto non prodotte ad hoc per la nostra collezione dalla Druckfarben s.r.l. di Albino- Bergamo. Crediamo che quanto accaduto sia frutto di un effetto autosuggestivo determinato dalla giocosità del prodotto Skifidol più che da elementi di pericolosità inesistenti. Gli Skifidol sono assolutamente innocui e soltanto mostruosamente divertenti.

Ovviamente vi daremo notizia non appena ci saranno novità.

16 commenti su “Skifidol puzz, le figurine puzzolenti da star male”

  1. gentile stronzo come ti sei permesso di creare queste skifidol che sono fetose le skifidol normali non fa nulla ma quelle che puzzano si! hai avvelenato 16 bambini di una scuola di Torino.
    Io ho peso 21,00€ di skifidol e mio padre me le ha buttate tutte.

    Rispondi
  2. Mi sembra uno squallido gadegt che oltre a puzzare istiga all’insulto, ottimo prodotto per i bulli, pensate a quei bambini e bambine che hanno lo stesso nome dei personaggi delle figurine quante se ne devono sentire addosso, i a 13 anni ero pieno di acne e mi riempivano di insulti come se il mio problema fosse una mia volontà.

    Siamo arrivati alla banalità della volgarità.
    Al bando skifidoll, non serve a niente, ancor peggio dei gormiti, bambini che spendono soldi per nulla!!!

    Basta guardare come risponde e posta il bambino qui sopra, ineducato e ignorante, che futuro avremo?!

    Rispondi
  3. Ma che razza di puritani scrivono su questo sito? le Skifidol Puzz sono l’invenzione piu’ geniale che sia stata prodotta negli ultimi anni,c’è molto piu’ puzzo e marciume tra i politici che ci prendono per il culo,pensate al Cavaliere!!!!
    Almeno queste figurine ci fanno divertire molto.
    Secondo me andrebbero prodotte anche le figurine all’odore di cadavere in decomposizione.

    Il Tarpino

    Rispondi
  4. Se c’è qualcosa qui che puzza di cadavere in decomposizione è il tuo piccolo cervello Fetopeto! Ti rendi conto che l’invenzione di nuove carte, di nuove collezioni, di nuovi abbonamenti è solo un modo per portare altri soldi PULITI nelle tasche dei politici e soprattutto nelle tasche delle gente che non ne ha veramente bisogno!! In quanto a te Mario, non ti ha obbligato nessuno a comprare quelle figurine, e credo che tuo padre abbia fatto solo bene a buttarle via tutte, sia per la tua salute che per la schifosità che hanno!!! Aprite gli occhi ragazzi, non fatevi abbindolare…state prendendo caramelle dagli sconosciuti, vi ricordo che a questo mondo non bisogna fidarsi di nessuno!!! Pensateci…

    Rispondi
  5. @ Luca:
    Ma quali politici,il vero problema è che il tuo cervello è stato lobotomizzato e adesso sei solo un piccolo perbenista……..
    Potresti fare il prete e avresti di sicuro un futuro come predicatore di cazzate.

    Il tarpino

    Rispondi
  6. Devi sapere Fetopeto che sei fortunato che sono un ragazzo minorenne perchè altrimenti provvederei per farti una bella denuncia per ingiurie! Come primo consiglio vedi di abbassare la cresta perchè a questo mondo la gente come te non va tanto lontano, secondo consiglio vai a chiedere alla mamma se ti insegna un altro pò di buona educazione che mi sembra che la tua sia andata a finire sotto la suola delle scarpe. Meglio se ti metti in riga in fretta perchè hai la testa bacata come quella di un bambino, sarei proprio curioso di sapere la tua età…

    Rispondi
  7. senta,sg. stronzo le skifidol, come le chiama lei sono solo stronzate nella mia classe di napoli sono stati avvelenati da queste carete puzzolenti qui a napoli gia c e ne abbastanza e vorremo fare a meno di queste cose. cordiali saluti,ha dimenticavo mio zio fa parte di un associazione che elimina carte orribile e altre cose ch riguardano la cittadinanza.ciao

    Rispondi
  8. ma k cazzo dite!!! queste figurine sono puzzolenti ma belle… io direi rimetterle nel commercio, e di dire ai venditori che non devono venderle ai minori di 14 anni.

    Rispondi

Lascia un commento

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.