Dall’America arriva l’antigravity yoga, l’esercizio che vi farà volare

di Redazione 0

In principio era lo yoga. Poi le varie discipline new age si sono moltiplicate di anno in anno, fino al Pilates, ed infine alla novità dell’ultimo minuto: l’antigravity yoga. Così come dice il nome stesso, sarà una disciplina che sfida la forza di gravità. Ma non temete, non vi dovrete lanciare da un ponte tentando di volare. A librarsi in volo sarà solo la vostra mente.

Negli Stati Uniti è già realtà, e adesso arriva anche in Italia. La presentazione ufficiale si è tenuta durante l’appuntamento che nessun amante del fitness può perdersi, il Rimini Wellness 2009, e nel nostro Paese è disponibile dall’inizio di questo mese solo in due palestre, una a Brescia ed una a Como. Ma in sostanza di cosa si tratta? Dopo il salto cerchiamo di conoscere questa nuova disciplina.

Partendo dalla seconda parte del nome, si capisce che tratta di una pratica che si basa sulla filosofia yoga. Con un piacevole sottofondo musicale new age, gli istruttori vi insegneranno a gestire le tensioni del corpo, in modo tale da riuscire a farvi rilassare completamente e scaricare tutto lo stress accumulato durante la giornata. Unito poi con gli esercizi di Pilates, ginnastica ritmica e danza, si cercherà di migliorare l’equilibrio, la flessibilità e la mobilità. Infine, scatta la parte “antigravità”.

Il corpo si riesce a rilassare, con l’aiuto di un’amaca, la quale permette l’azione sospensoria che migliora la circolazione dei liquidi nel corpo, dà sollievo alla colonna vertebrale e permette infine una sorta di “fase di volo”, in cui la mente, dopo il completo rilassamento del corpo, diventa leggera e dà la sensazione di volare, sfidando la forza di gravità.

Alla fine della lezione c’è una sorta di fase di atterraggio, in cui alcuni esercizi di rilassamento vi aiuteranno a riportarvi alla realtà, facendovi sentire però molto più rilassati di quanto non eravate quando siete entrati in palestra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>