I corpi più strani di tutti i tempi

di Redazione 0

Corpi umani che spontaneamente prendono fuoco, che si trasformano, sanguinano e scintillano! La storia è piena di questi eventi eccezionali e alcune persone sono tutt’ora viventi. E’ possibile camminare sui carboni ardenti a temperature superiori agli 800 gradi? Sembrerebbe di si. Il primo esperimento risalirebbe al 1935 quando un giovane mussulmano riuscì a camminare senza alcun problema su tizzoni incandescenti. Tuttavia, a fronte di molti esperimenti riusciti con successo, la storia ci insegna tante morti tragiche per aver voluto camminare su lastre infuocate.

Le cronache tuttavia sono piene anche di persone che prendono fuoco spontaneamente come ci racconta il New York Time nel 1929 “i vestiti di Lily presero fuoco spontaneamente lasciadola completamente nuda senza nemmeno un ustione sul corpo. Questo accadeva spesso per la grande gioia dei vicini!“.

Diversi documenti riportano anche di corpi che, dopo anni dalla morte, non si sono decomposti come il caso di Bernadette che morta, nel 1879, ha tutt’ora il corpo completamente integro. La Chiesa attribuisce queste caratteristiche alla santità della persona.


Ci sono persone invece dotate di una innata carica elettrica che, tenendo in mano un lampadina, questa si accende da se. Molti i racconti di persone che con il solo contatto sono state folgorate da scariche elettriche.

E per ultimo la storia è anche molto ricca di stimmate, ferite che continuamente sanguinano senza che possano essere lenite da nulla. Se per lungo tempo si è creduto che fosse un evento eccezionale ad appannaggio solamente di credenti cattolici, nel 1972 in California la signora Cloretta Robertson fu la prima persona di colore, non cattolica, ad essere colpita da stimmate ai palmi delle mani. Ogni venerdì santo le stimmate smettono di sanguinare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>