Home » LE ETA' DELLA SALUTE » La Salute degli Anziani » Il dolore cronico fa sentire 30 anni più vecchi

Il dolore cronico fa sentire 30 anni più vecchi

Le persone che soffrono di dolori cronici tendono ad avere una generale capacità fisica simile a quella di gente con qualche decennio in più. Ad affermarlo è un nuovo studio effettuato sui dati, cominciati a prelevare nel 2004, su 18.531 persone di oltre 50 anni. Tra i partecipanti di età tra 50 e 59 anni che non soffrivano di dolore cronico, il 37% poteva correre per un miglio (1,6 km) ed il 91% poteva camminare per diversi chilometri senza problemi. Tra quelli con dolore cronico, solo il 9% riusciva a percorrere le stesse distanze di corsa e la metà a piedi.

Abbiamo scoperto che le capacità di coloro tra i 50 e i 59 anni con il dolore cronico erano molto più simili a soggetti di età compresa tra 80 e 89 anni senza dolore, di cui il 4% sono stati in grado di correre un miglio ed il 55% erano in grado di camminare diversi chilometri, con la sofferenza che rendeva la persona di 20 o 30 anni più vecchia rispetto ai non-malati

ha spiegato il leader di studio Kenneth Covinsky della Divisione di Geriatria presso l’Università della California a San Francisco.

Il dolore cronico è un problema preoccupante per gli adulti di mezza età e nei più anziani. In realtà il 24% della popolazione dello studio ha sofferto di dolore da moderato a grave per la maggior parte del tempo. Circa 75 milioni di persone negli Stati Uniti sopportano il dolore cronico o ricorrente. La forma più comune è l’emicrania, seguita dall’artrite. Mentre il dolore è scarsamente compreso, molti esperti raccomandano ora l’esercizio fisico per combattere molti tipi di dolore cronico, in aggiunta ai farmaci nei casi consigliati dal medico.

Dal nostro studio non è possibile determinare se la disabilità provoca dolore o se il dolore provoca disabilità. Riteniamo che sia probabile che entrambi siano veri e che il dolore e la disabilità probabilmente possono agire insieme in modi che rendono entrambi i problemi peggiori in una spirale verso il basso.

I risultati, presentati oggi, sono spiegati nel dettaglio nel Journal of the American Geriatric Society.

[Fonte: Livescience]

Lascia un commento