Menopausa: è anche maschile e colpisce 5 milioni di uomini

di Redazione 0

La maggior parte delle condizioni legate ai cambiamenti ormonali dell’età, spesso riconducibili alla condizione della menopausa, sono frequentemente associate alla salute delle donne. Ma esse possono verificarsi anche negli uomini in cui causano sintomi di stanchezza, sbalzi d’umore, diminuzione del desiderio, perdita dei capelli, mancanza di concentrazione ed aumento di peso.

Gli esperti stimano che più di 5 milioni di uomini ne siano affetti, ma a preoccupare è il fatto che il numero può essere considerevolmente più elevato in quanto i sintomi sono spesso ignorati. L’ipogonadismo maschile è il diretto interessato, ed esso si verifica quando i testicoli non producono sufficiente testosterone, l’ormone che svolge un ruolo fondamentale nella crescita e nello sviluppo maschile. Quando i livelli di ormone calano, gli uomini possono sperimentare significative variazioni mentali e fisiche.

Questo è un disturbo molto diffuso. Purtroppo, si stima che il 95% dei casi non sono diagnosticati e quindi non vengono curati. Quando ignorati, i sintomi possono seriamente compromettere la propria qualità della vita

afferma Robert Brannigan, urologo presso il Northwestern Memorial Hospital.

Il mio corpo mi diceva che qualcosa non andava. Ero sempre stanco, non importava quanto avevo dormito, avevo sempre bisogno di fare un pisolino

spiega Michael Andruzzi, un uomo di 40 anni con diagnosi di ipogonadismo maschile che è diventato paziente della Northwestern Memorial. Brannigan spiega che le variazioni ormonali sono un aspetto normale dell’invecchiamento.

Nelle donne, l’ovulazione volge al termine e diminuisce la produzione di ormone in un periodo relativamente veloce di tempo, mentre gli uomini hanno esperienza più lenta, con livelli di testosterone che diminuiscono di circa l’1% ogni anno a partire dalla fine dei 30 anni.

Brannigan aggiunge che dopo i settanta anni, la riduzione del livello di testosterone di un maschio potrebbe essere del 50% o più rispetto ai livelli di base, ma osserva che gli uomini che invecchiano non sono gli unici a rischio. Un certo numero di cause genetiche possono avere un impatto sui maschi dalla nascita e sono di solito insufficientemente diagnosticate durante la pubertà e l’adolescenza.

Le opzioni terapeutiche per l’ipogonadismo maschile includono la terapia ormonale sostitutiva (HRT) tramite impianti a pellet assorbibile, gel topico, cerotti e iniezioni. Attraverso la terapia ormonale sostitutiva, i medici possono ripristinare la funzione sessuale e la forza muscolare. Inoltre, gli uomini spesso provano un aumento di energia e un senso generale di benessere.

Quando ho cominciato il trattamento, mi sentivo meglio molto rapidamente. Il mio livello di energia si è impennato, ho ritrovato la forza e sentivo che riuscivo a concentrarmi molto meglio

dice Andruzzi.

Stiamo notando più uomini affetti da ipogonadismo maschile rispetto a quello che abbiamo visto dieci anni fa. Tuttavia, molti uomini continuano a soffrire in silenzio a causa di una mancanza di consapevolezza che circonda la malattia. La causa dell’ipogonadismo maschile può avere un impatto significativo sulla qualità della propria vita, è importante che gli uomini stiano attenti al proprio corpo e discutano apertamente i sintomi con il loro medico, al fine di evitare che si perda l’opportunità di una terapia appropriata

ha concluso Brannigan. Sebbene la ricerca per determinare l’associazione esatta continui, i medici avvertono che l’ipogonadismo maschile è stato collegato a patologie croniche come il colesterolo alto, diabete e malattie cardiovascolari, ed è anche strettamente associato con la sterilità. Si tratta di un disturbo che non dovrebbe essere ignorato, ci tengono ad aggiungere i ricercatori, i quali stanno cercando delle terapie per risolvere il problema.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>