Come fare l’autopalpazione

di Redazione 0

A partire da circa 20 anni, si dovrebbe esaminare il seno ogni mese in modo da prendere confidenza con la struttura, consentendo di individuare eventuali modifiche, come grumi, che potrebbero indicare il cancro al seno. La maggior parte dei noduli vengono rilevati dalle donne stesse. I medici consigliano di fare l’esame dell’autopalpazione a tutte le donne sopra i 20 anni, ma in poche sanno effettivamente come si fa. Medicinalive vi indica i 6 passaggi base da seguire.

Quando farlo: le modifiche premestruali possono causare un temporaneo ispessimento che scompare dopo il periodo, quindi è meglio fare autopalpazione circa una settimana dopo che il ciclo è passato. I seni hanno meno probabilità di essere gonfi in quel momento. Se non ci sono più le mestruazioni, il controllo si deve fare sempre nello stesso giorno di ogni mese. Se si stanno assumendo ormoni, meglio rivolgersi al medico per sapere quando è più indicato effettuare l’autopalpazione. Dopo il salto vediamo come fare.

Fase uno: Mettersi di fronte ad uno specchio e controllare l’aspetto di ogni seno per cercare qualcosa di insolito. Controllare la pelle se ci sono increspature, fossette o scaglie. Controllare eventuali cambiamenti della forma del seno o del suo contorno.

Fase due: Guardarsi allo specchio, stringere le mani dietro la testa e premerle in avanti.

Fase tre: Premere le mani sui fianchi e piegarle verso lo specchio, piegando le spalle e gomiti in avanti.

Fase quattro: Spremere ogni capezzolo con delicatezza e controllare se ci sono perdite.

Fase cinque: Alzare un braccio, e metterlo dietro la testa. Utilizzare la parte sensibile al centro delle tre dita dell’altra mano per controllare il seno e la zona circostante accuratamente in ogni senso per rilevare massa insolita sotto la pelle. Ripetere questa procedura per l’altro seno.

Polvere, olio o lozione possono rendere più semplice spostare le dita sulla pelle. Si consiglia di fare questo test sotto la doccia. Le dita si muovono più agevolmente sul bagnato, in modo da potersi concentrare sulla sensazione delle modifiche sottostanti. Sentire il tessuto premendo le dita in piccole aree sovrapposte. Per essere sicuri di coprire l’intera mammella, seguire uno schema preciso e metodico se lo si trova più facile:

  • Linee: partire dalla zona delle ascelle e muovere le dita a poco a poco verso il basso fino a quando non sono sotto il seno. Quindi spostarsi leggermente verso il centro, e muoversi lentamente indietro. Andare su e giù fino a coprire l’intera area;
  • Cerchi: iniziare dal bordo esterno del seno, muovere le dita lentamente intorno al petto in un cerchio. Muoversi intorno al seno in cerchi sempre più piccoli, a poco a poco arrivando verso il capezzolo.
  • A blocchi: a partire dal bordo esterno del seno, muovere le dita verso il capezzolo e ritornare all’inizio. Controllare l’intero seno, coprendo una piccola sezione per volta.

Controllare l’intera area del seno allo stesso modo ogni volta che si esegue l’autopalpazione. Una increspatura nella curva inferiore di ogni seno è normale. Premere con fermezza sufficiente per sentire diversi tessuti, utilizzando tre diverse pressioni. In primo luogo, usare una leggera pressione per spostare la pelle, poi a metà della pressione aumentarla leggermente, e usare una pressione stabile per approfondire la ricerca.

Sentire il seno e tutta la zona toracica sotto l’ascella, fino alla clavicola e alla spalla. La posizione in piedi rende più facile controllare la parte superiore ed esterna dei seni (verso l’ascella), dove circa la metà dei casi di cancro al seno vengono rilegati.

Fase sei: Ripetere il passaggio 5 sdraiati. Sdraiatevi sulla schiena, con il braccio destro dietro la testa e un cuscino o asciugamano piegato sotto la spalla destra. Questa posizione appiattisce il seno e lo rende più facile da controllare. Controllare il seno destro e l’area circostante con la mano sinistra, utilizzando uno dei modelli sopra descritti. Poi esaminare il seno sinistro con lo stesso metodo, controllando con la mano destra, e mettendo un cuscino sotto la spalla sinistra.

Se trovate eventuali grumi, ispessimenti o cambiamenti, informare immediatamente il medico.

[Fonte: Health24]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>