Salute e cittadini, nasce il portale “Dove e come mi curo”

di Valentina Cervelli 0

Un aiuto concreto al cittadino per aiutarlo a scegliere la migliore struttura adatta ai suoi problemi: ecco “Dove e come mi curo”, il portale presentato a Roma a seguito di un progetto dedicato e sovvenzionato dal Ministero della Salute e coordinato dal dipartimento di Sanità’ pubblica dell’Università Cattolica-Policlinico A. Gemelli.

E’ qualcosa che notiamo spesso anche nei commenti ai nostri articoli: le persone necessitano non solo di informazioni accurate ed utili, ma soprattutto di essere dirette verso specialisti veri ed accreditati che sappiano curarle nella maniera migliore possibile. Il portale serve proprio a questo: a seconda della patologia, viene indicato il centro per eccellenza nel quale essere curati. Un esempio? Il Centro cardiologico Monzino di Milano per l’angioplastica o l’azienda ospedaliera Santa Maria degli Angeli di Sacile, in provincia di Pordenone, per il miglior trattamento dell’infarto miocardico. Soffrite di broncopneumopatia cronico ostruttiva? La Fondazione Maugeri di Cassano delle Murge a Bari è la migliore. Questi ovviamente sono solo alcune delle strutture consigliate da “Doveecomemicuro”, ma quello che è realmente importante e da sottolineare è la facilità di gestione del portale da parte di chiunque.

Sono diversi i criteri sui quali può basarsi la ricerca al suo interno: parti del corpo, problemi di salute e distanza geografica. Per comprendere quale sia davvero il migliore è stato pensato un sistema a “semaforo” con i colori rosso, giallo e verde, ai quali si aggiunge un ulteriore giudizio correlato agli standard internazionali relative alla cura della malattia presa in considerazione. Ogni risultato è frutto di una valutazione derivante da una precisa graduatoria passata per ben 50 indicatori di qualità. Commenta Walter Ricciardi, il coordinatore del progetto:

L’obiettivo era realizzare un supporto informativo rivolto ai cittadini attraverso un’iniziativa cosiddetta di public reporting capace di rafforzare il principio di responsabilità’ sociale all’interno del Servizio sanitario nazionale. […] Tale strumento di pubblicazione dei dati di performance delle strutture sanitarie aumenta il potere decisionale di cittadini e pazienti e consente di migliorare la qualità’ dell’assistenza dei servizi sanitari, soprattutto nel contesto ospedaliero.

Cosa ne dite? Si tratta di un’ottima iniziativa?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>