Cancro, rifiuti elettronici pericolosi per la salute

di Valentina Cervelli 1

Rifiuti elettronici: quanto ci fanno male? E’ questa la domanda che dobbiamo porci quando compriamo un compendio elettronico e con nonchalance buttiamo il suo antesignano. Sebbene infatti sia comprensibile il volere essere all’avanguardia da questo punto di vista, non teniamo conto di quanto possa farci male tutto ciò che esce dal loro smantellamento. Ci pensa uno studio condotto in Cina dall’Università di Zehjiang a spiegarci quanto.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters e condotto dal prof. Fangxing Yang, ha preso come esempio per il suo articolo l’aria che circonda l’impianto di Taizhou, uno dei più importanti dell’intero territorio cinese per ciò che riguarda lo smaltimento dei rifiuti elettronici.  Una analisi facilitata dalla estrema vicinanza dell’ateneo con la stessa. Il ricercatore ha scoperto che nel corso dei processi di smaltimento, nell’atmosfera vengono rilasciate quantità importanti di composti organici e metalli pesanti che, per loro stessa natura, possono accumularsi nell’organismo e creare problemi alla salute.

Dopo aver raccolto dei campioni di aria, lo scienziato ha purificato le sostanze inquinanti del campione e l’ha successivamente messe a contatto con cellule umane polmonari per studiarne le conseguenze, tra le quali la loro azione sui livelli di espressione del gene p53, direttamente coinvolto nella comparsa di tumori. I risultati sono stati sorprendenti nella loro chiarezza:  tutti i valori pericolosi per la salute dell’uomo aumentavano esponenzialmente.

Spiega Fangxing Yang:

Sia la risposta infiammatoria che lo stress ossidativo possono provocare danni al DNA e quindi anche tumori, oltre che malattie cardiovascolari. Con un’ulteriore indagine stiamo cercando di caratterizzare meglio le componenti dell’aria che più contribuiscono al danno. Questi risultati però già dimostrano che lo smantellamento “aperto” dei rifiuti elettronici, come avviene spesso negli stabilimenti cinesi, deve essere proibito.

Non solo quindi si reputa necessario uno smaltimento di tipo differente per i rifiuti, ma è necessario al contempo salvaguardare i lavoratori del settore, la cui salute, se non salvaguardata, rischia un tracollo negativo.

Articoli Correlati:

Emergenza rifiuti: quali i rischi per la salute?

Rifiuti pericolosi: come e dove gettarli

Fonte: Corriere della Sera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>