La birra può aiutare a prevenire l’osteoporosi

di Redazione 0

Un nuovo studio suggerisce che la birra è una fonte significativa di silicio dietetico, un ingrediente fondamentale per aumentare la densità minerale ossea. I ricercatori del Department of Food Science & Technology presso l’Università di California di Davis hanno studiato la produzione di birra commerciale, per determinare la relazione tra i metodi di produzione della birra e il conseguente tenore di silicio, concludendo che la birra è una ricca fonte di silicio dietetico. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of the Science of Food and Agriculture.

I fattori di produzione di birra che influenzano i livelli di silicio non sono stati ampiamente studiati. Abbiamo esaminato una vasta gamma di stili di birra per il loro contenuto di silicio e l’impatto delle materie prime e il processo di fermentazione sulle quantità di silicio che entrano nel mosto e nella birra

ha spiegato Charles Bamforth, autore principale dello studio. Il silicio è presente nella birra in forma solubile di acido ortosilicico (OSA), che produce il 50% di biodisponibilità, facendolo diventare una delle principali fonti di silicio nella dieta occidentale.

Secondo il National Institutes of Health (NIH), il silicio alimentare può essere importante per la crescita e lo sviluppo delle ossa e del tessuto connettivo, e la birra sembra essere una delle principali fonti di assunzione. Sulla base di questi risultati, alcuni studi suggeriscono che il consumo moderato di birra può aiutare a combattere l’osteoporosi, una malattia del sistema scheletrico caratterizzata da ridotta massa ossea e dal deterioramento del tessuto osseo.

I ricercatori hanno esaminato una serie di campioni di materie prime ed hanno trovato pochi cambiamenti nel tenore di silicio durante il processo dell’orzo da birra. La maggior parte del silicio è nella buccia, che non è coinvolta nel processo del malto. I malti con il contenuto più elevato di silicio sono pallidi ed hanno meno stress da calore durante il processo. I prodotti più scuri dispongono di notevoli torrefazioni e contenuto di silicio molto inferiore rispetto agli altri malti per motivi che non sono ancora noti. I campioni analizzati hanno mostrato livelli sorprendentemente alti di silicio con fino a quattro volte in più del silicio che si trova nel malto. Tuttavia, il luppolo è sempre usato in quantità molto minore di quello di grano. Le birre con molto luppolo, tuttavia, dovrebbero contenere livelli ancora più elevati di silicio.

Lo studio ha anche testato 100 birre commerciali per il contenuto di silicio e classificato i dati secondo lo stile e la fonte della birra. Il tenore medio di silicio è stato 6,4-56,5 mg/L.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>