Parkinson, uso ibuprofene ne riduce incidenza

di Valentina Cervelli 2

L’ibuprofene potrebbe rappresentare un fattore di rallentamento nello sviluppo del morbo di Parkinson. A suggerire ciò ci pensa una nuova ricerca condotta sul farmaco dai ricercatori della Harvard School of Public Health e dalla Harvard Medical School di Boston.

Coordinatore dello studio il dottor Xian Gao, non nuovo a sperimentazioni all’avanguardia di tipo farmacologico. Lo studio è stato pubblicato nella versione on-line della rivista Neurology.

Il Parkinson è una patologia cerebrale che provoca tremore e difficoltà nella deambulazione. Nel corso della ricerca gli scienziati hanno preso in considerazione dati provenienti da 98.892 infermiere e 37.305 infermieri. Coloro che hanno preso parte allo studio hanno riferito ai ricercatori di utilizzare per curare disturbi di tipo leggero l’ibuprofene o altri farmaci fans. Come uso regolare di questo farmaco è stata stabilita la cadenza di due volte a settimana.

Tenendo in considerazione un periodo di sei anni, tra coloro presi in esame, solo 291 hanno sviluppato il morbo di Parkinson. Racconta Gao:

I nostri risultati indicano che l’ibuprofene può proteggere il cervello in modi che altri farmaci antinfiammatori non-steroidei (FANS) e gli analgesici come l’aspirina o paracetamolo, non riescono a fare.

I dati raccolti hanno dimostrato che le persone che hanno assunto regolarmente l’ibuprofene durante il periodo di tempo preso in considerazione avevano avuto un rischio inferiore del 38% di sviluppare la malattia rispetto che non lo utilizzava. La percentuale scendeva al 27% se confrontata con coloro che utilizzavano farmaci di tipo antinfiammatorio non steroideo. Continua il coordinatore della ricerca:

Una possibilità per spiegare perché l’ibuprofene può avere questo effetto contro il morbo di Parkinson è che va a colpire un certo recettore nel cervello chiamato PPARy. Anche studi su animali hanno suggerito questo effetto.

Ovviamente, hanno sottolineato gli scienziati, questo risultato non deve portare le persone a consumare regolarmente dell’ibuprofene al fine di evitare lo sviluppo della malattia di Parkinson. Questo perché anche questa sostanza, sebbene positiva in alcuni casi, possiede degli effetti collaterali.

Ibuprofene, risparmiamo con il farmaco generico

Parkinson, prevenirlo con i frutti di bosco

Fonte: GaiaNews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>