Lavorare in gruppo aumenta la soglia del dolore e della resistenza

di Redazione 0

Il detto popolare “mal comune, mezzo gaudio”, potrebbe avere un fondo di verità scientifica. Ne sono convinti all’Università di Oxford, famosa per la sua squadra di canottaggio, e che è partita proprio dallo studio di questo sport per studiare la resistenza alla fatica e al dolore.

Questo studio ha dimostrato che i membri di una squadra di canottaggio che remavano insieme sono stati in grado di tollerare il doppio del dolore rispetto a quando si preparavano da soli. Nello studio, pubblicato su Royal Society journal Biology Letters, i ricercatori dell’Università dell’Oxford Institute of Cognitive e Evolutionary Anthropology hanno rilevato che la soglia del dolore, del 12 rematori della squadra dell’Oxford Boat Race era maggiore dopo aver cominciato a lavorare in gruppo che non nell’esercizio individuale. Per rimanere in tema di detti popolari, è proprio il caso di dire che l’unione fa la forza.

La qualità di un gruppo e la sincronia nei movimenti sembrano aumentare la soglia del dolore. Il rilascio di endorfine può essere il meccanismo sottostante che sta alla base degli effetti dei legami che emergono da attività come rituali religiosi e danze.

Ciascuno dei 12 vogatori ha partecipato a quattro test separati. Sono stati invitati a schierarsi di continuo per 45 minuti in una barca virtuale in palestra (come durante l’allenamento normale), in un esercizio svolto in due squadre di sei e poi in una sessione separata individuale, non osservati dagli altri membri del team. Dopo ciascuna delle sessioni, i ricercatori hanno misurato la loro soglia del dolore, cioè quanto tempo potevano sopportare una pressione del sangue nelle braccia.

Lo studio ha rilevato che c’è stato un significativo aumento della soglia del dolore dopo l’esercizio in entrambe le sessioni; tuttavia, dopo la formazione del gruppo c’è stato un aumento significativamente maggiore, rispetto della formazione effettuata individualmente.

Poiché la sincronia è la chiave per il successo nella concorrenza delle gare, questi risultati suggeriscono che facendo un’attività sincronizzata, aumenta la produzione delle endorfine che otteniamo dallo sforzo fisico. Poiché le endorfine aiutano a creare un senso di positività, questo effetto può essere alla base dell’esperienza del calore e dell’appartenenza che abbiamo quando facciamo attività collettive come la danza, sport, riti religiosi e altre forme di esercizio aggregante.

Il professor Robin Dunbar, Direttore dell’Istituto di antropologia cognitiva ed evolutiva all’Università di Oxford, ha dichiarato:

La ricerca precedente suggerisce che l’attività fisica sincronizzata, come le risate, la musica e molte altre attività religiose, rendono le persone più felici di far parte del processo di aggregazione. Sappiamo anche che l’esercizio fisico crea un elevato rilascio naturale di endorfine. Ciò che questo studio ci mostra è che la sincronia da sola sembra aumentare la produzione di endorfine, in modo da aumentare l’effetto quando facciamo queste attività in gruppo.

L’autore Dr Emma Cohen ha dichiarato:

I risultati suggeriscono che il rilascio delle endorfine è significativamente maggiore nel gruppo rispetto alla formazione individuale, anche quando la potenza, o uno sforzo fisico, rimangono costanti. Le caratteristiche esatte dell’attività di gruppo che generano questo effetto sono sconosciute, ma questo studio contribuisce ad un crescente corpo di evidenze che suggeriscono che l’attività fisica sincronizzata e coordinata può essere responsabile.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>