Home » LE ETA' DELLA SALUTE » La Salute sul Lavoro » “NoTecnostresdays: 100 giornate di prevenzione in tutta Italia”

“NoTecnostresdays: 100 giornate di prevenzione in tutta Italia”

Prenderà il via il prossimo 20 Luglio la prima edizione di “NoTecnostresDays: 100 giornate di prevenzione in tutta Italia” organizzata da “Run for tecnostress Network” il primo network per la difesa della salute dei tecnostressati italiani.

L’iniziativa, che vanta la partecipazione di Assodigitale e Viadeo, terminerà il 28 ottobre 2008 e prevede eventi formativi e ricreativi: trattamenti termali, running, concerti, gite in montagna, sessioni di meditazione, yoga e massaggi shiatsu, percorsi di benessere e autoconsapevolezza. Gli eventi coinvolgeranno soprattutto Roma e Milano, le città italiane che contano il maggior numero di tecnostressati del paese, ma sono previsti diversi appuntamenti anche in località del sud Italia.


Si comincia il 20 luglio a Ladispoli, dove si terrà una corsa non agonistica di tre chilometri caratterizzata dalla messa al bando di ogni tipo di strumento tecnologico, primo fra tutti il cellulare, mentre dal 25 al 27 luglio a Bracciano, presso il centro olistico Borgo Paola, è previsto un weekend anti-tecnostress lontani dal pc.

Come spiega Enzo Di Frenna promotore del Network e presidente di Netdipendenza onlus si tratterà di

“Un week end benessere per i nostri iscritti con l’obiettivo di conoscersi, rilassarsi e costruire un movimento di opinione on line che difenda la salute dei lavoratori info-tech”.

Mentre a Milano gli iscritti di “Run for tecnostress Network” organizzano il 21 luglio un aperitivo relax con massaggi ayurvedici. Altre iniziative sono previste ad Ischia e in Sardegna.

Lo stesso Di Frenna è autore di una ricerca, condotta mediante intervista, che ha visto il coinvolgimento di un campione di 424 lavoratori a rischio tecnostress. Secondo le conclusioni di Di Frenna, l’80% di essi ne presenta i sintomi tipici: ansia, stress, calo della concentrazione, insonnia. I risultati dello studio sono stati pubblicati nel libro “Tecnostress in azienda: il sovraccarico informativo come rischio d’impresa”.

Lascia un commento