Il cibo spazzatura invecchia il cervello

di Michele Laganà 0

Che il cibo spazzatura creasse problemi alla salute lo sapevamo tutti, era una cosa già detto diverse volte. Questa volta, andiamo a confermare l’ennesima teoria a riguardo con esempi concreti e con cosa controllare prima di mangiare il cosiddetto “cibo spazzatura”. I grassi vegetali idrogenati, fanno male alla salute ed invecchia il cervello.

Questa tipologia di grassi è contenuta principalmente nel cibo spazzatura. Come possiamo evitarli? Nella maggior parte dei casi, è scritto sulle etichette dei prodotti che andiamo a comprare la presenza di questi grassi vegetali idrogenati. Tale grasso ha origine sempre più antica, infatti, fu inventato nel 1800 per l’esercito di Napoleone III.

I grassi vegetali idrogenati costano poco, si modellano meglio e sono più stabili ma aumentano i rischi cardiovascolari, in quanto alzano il colesterolo cattivo ed abbassano quello buono. Ma non si fermano qui i rischi di questi grassi, infatti, ci rendono anche più scemi, invecchiando prima il cervello. I ricercatori dell’università di Oregon Health & Science University di Portland (Usa), hanno analizzato circa 104 persone con un età media di 87 anni con problemi di memoria e riduzione delle capacità cognitive.

I risultati dei loro test hanno indicato che queste persone, avevano avuto a che fare con il così detto cibo spazzatura, o a delle sostanze contenute anche nel cibo spazzatura. E’ stato verificato che chi assume nella propria dieta, molti grassi idrogenati trattati industrialmente, ha dei risultati nettamente inferiori nei test di performance cognitiva. In altrettanti 42 casi, è stato verificato che chi assume frutta, verdura, vitamine C, D ed E ed acidi grassi omega 3 ha risultati superiori negli stessi test.

 

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>