Alghe, 5 benefici del mangiarle

Ecco 5 benefici del mangiare alghe. Sebbene il loro consumo sia tipico delle zone orientali del pianeta, grazie alla globalizzazione culinaria ed alla cucina giapponese il suo uso sta crescendo anche alle nostre latitudini. Scopriamone insieme di più.

Insetti e alghe super food nel menù

Alghe ed insetti: arriva il primo via libera al loro inserimento come super food nei menu europei. Il cibo del futuro potrebbe giungere nei nostri piatti molto prima di quel che pensiamo.

Problemi di erezione, cura con l’alga ecklonia bicyclis

Problemi d’erezione? Nuove speranze per chi soffre di impotenza, come ci conferma uno studio condotto dai ricercatori dell’Università “Federico II” di Napoli. Sfruttare le proprietà naturali delle piante spesso si rivela l’idea migliore e l’utilizzo dell’alga ecklonia bicyclis, del tribulus terrestris e della glucosamina non sono un’eccezione.

Sinusite: arriva lo spray nasale alle alghe

E’ in arrivo uno spray alle alghe per combattere la sinusite. Almeno è ciò che i ricercatori della Newcastle University, nel Regno Unito promettono in base alla loro recente scoperta, pubblicata sulla rivista di settore Plos One. Un estratto di alghe marine da spruzzare in forma di spray nel naso per curare la patologia.

Farmaco antitumorale economico estratto dalle alghe?

Un farmaco antitumorale estratto dalle alghe? Sembrerebbe questa la scoperta effettuata da una squadra di biologi americani i quali avrebbero estratto da questa pianta marina uno dei principi attivi base dei costosi farmaci in commercio aprendo la strada in questo modo ad una più economica e diffusa commercializzazione.

Contro l’impotenza un aiuto dalle alghe giapponesi

Direttamente dall’Asia arriva un’alga che promette di bissare le prestazioni del chimico viagra. Riconosciuta dalla medicina tradizionale cinese come antiossidante potente, questa pianta promette di essere un forte compendio contro l’invecchiamento e contro l’impotenza.  Il suo nome è Ecklonia Bicyclis, conosciuta nel Sol Levante con il nome di Arame.

Mancanza di ferro, un aiuto dalle alghe

La mancanza di ferro, è un disturbo molto diffuso. Il primo aiuto arriva sicuramente dall’alimentazione, a seguire ci sono gli integratori naturali, come alcuni tipi di alga, utili a sostenere l’organismo nei momenti di maggior fabbisogno di ferro.

Le alghe come aiuti di bellezza

Tra i più antichi organismi viventi, pur essendo forme di vita primitiva, le alghe sono ricchissime di proteine, di aminoacidi e di vitamine e rappresentano un portentoso concentrato di sali minerali e di oligoelementi. A differenza di pesci e molluschi, poi, non assorbono le sostanze inquinanti, anzi ci aiutano a neutralizzare gli elementi tossici, grazie al contenuto di minerali che alcalinizzano il sangue. Insomma, sono un vero e proprio toccasana specialmente in inverno quando abbiamo estremamente bisogno di oligoelementi come il rame, lo zinco, il manganese che aiutano il sistema immunitario a mantenersi efficiente.

 Grazie alla loro estrema digeribilità e all’armonico bilanciamento dei loro nutrienti, si possono considerare tra gli alimenti più completi. Inoltre sono anche poco caloriche per il basso contenuto di zuccheri e grassi, e facili da utilizzare. Basta, infatti, aggiungerne piccole quantità a zuppe, legumi o verdure. Essendo ricche di sali minerali, vitamine e proteine e poiché sono in grado di migliorare la resistenza alla fatica, le alghe sono molto popolari nelle diete degli sportivi, che le assumono anche sotto forma di integratori in compresse.

Alimentazione dal mare: le alghe ottime rimineralizzanti, protettive e stimolanti

Arame, Quercia marina, Kelp, Nori, Muschio d’Irlanda, Dulse e Klemath, l’ultima arrivata, dalle acque dell’omonimo lago in Oregon, dove sedimenti naturali di origine vulcanica le conferiscono virtù antitumorali e protettive delle funzioni neurologiche. «Le alghe agiscono a diversi livelli metabolici con effetti positivi sulla salute», spiega Annalisa Zocco, medico chirurgo specializzata in omeopafia. «Grazie alla loro composizione, hanno importanti proprietà curative: l’alto contenuto di iodio, ad esempio, stimola il metabolismo basale in caso di rallentamento dovuto alla ridotta funzionalità della tiroide». Volete la migliore dieta detox in circolazione?
Considerate dagli esperti un superalimento, le alghe sono efficaci nel campo della prevenzione: riducono il livello di colesterolo nel sangue, migliorano la circolazione e regolano la pressione. Agiscono sul sistema immunitario rinforzandolo e sono mineralizzanti, antianemiche e antagoniste dell’osteoporosi, grazie all’elevato contenuto di minerali tra cui ferro e calcio.
La presenza di acido alginico ne fa un disintossicante naturale, in grado di neutralizzare i metalli pesanti e gli ioni radioattivi presenti nell’ambiente. «Micronutrienti come gli alginati non devono essere considerati farmaci e neppure integratori, ma sostanze che la natura ha adattato alle esigenze delle cellule attraverso centinaia di milioni di anni di evoluzione», precisa Zocco. «Il corredo nutritivo delle alghe è superiore a quello delle piante terrestri. Più proteine, aminoacidi, vitamine, sali minerali, oligoelementi e importanti micronutrienti come acidi grassi, antiossidanti, carboidrati, enzimi e fibre sono presenti in quantità equilibrate. Ecco perché sono un alimento bilanciato, digeribile e perfettamente assimilabile».