HIV, nuovo farmaco efficace per la cura

La FDA statunitense ha approvato un farmaco efficace per il trattamento delle infezioni da HIV. Il suo nome è Genvoya ed è una pastiglia a base di eontaining elvitegravir, cobicistat, emtricitabine, e tenofovir alafenamide.

Hiv, una foto vale più di 1000 parole

Una foto per sconfiggere tutti i pregiudizi che ci sono sulle persone sieropositive che molto spesso vengono viste come potenzialmente pericolose. Andrew Pulsipher ha deciso di pubblicare sul suo profilo Facebook una foto nella quale posa con la moglie e i tre figlioletti. Lui sieropositivo, loro per fortuna no.

HIv, presto un nuovo farmaco?

Aids, la ricerca fa un nuovo passo in avanti. E’ stato infatti creato uno scudo, una sostanza in grado di inibire il virus dell’HIV. Al momento la sperimentazione è ferma al modello animale ma le premesse per un eventuale utilizzo clinico sembrano essere positive.

Guarigione HIV di Mississipy Baby: purtroppo solo apparente

La guarigione di Missisipi baby, la neonata affetta da HIV curato con farmaci antiretrovirali subito dopo la nascita e considerata guarita dopo 3 anni priva del virus, si è rivelata purtroppo un falso allarme. Il virus dell’HIV è tornato nel suo sangue.

Aids, virus ricomparso nei pazienti “guariti”

L’Aids è una malattia davvero subdola: il virus dell’Hiv è riapparso nei “pazienti di Boston” coloro che dopo un trapianto di midollo osseo mostrarono di non avere più nel sangue la presenza del virus. Un passo indietro notevole rispetto ad un traguardo che si pensava di aver raggiunto.

Giornata Mondiale AIDS 2012: “Arrivare a zero”

Domani 1° dicembre si svolge come ogni anno la Giornata Mondiale contro l’AIDS, un momento internazionale di sensibilizzazione sul tema che vuole ricordare come il rischio sia ancora dietro l’angolo, se non si utilizzano le giuste precauzioni, a partire da rapporti sessuali protetti, principale causa di infezioni da HIV. Il tema della giornata quest’anno, come nel 2011 è  “Arrivare a Zero: zero nuove infezioni da HIV Zero morti per AIDS e Zero discriminazioni e malattie correlate”, entro il 2015. Un obiettivo arduo, ma non impossibile da portare avanti nei prossimi anni con tenacia, informazione, ricerca e prevenzione. Finora hanno funzionato. Nel mondo si muore di meno di AIDS rispetto al passato, grazie all’utilizzo di farmaci antiretrovirali che non solo hanno ridotto la mortalità, ma anche il numero delle infezioni.

Un gel per proteggere le donne dall’HiV

L’AIDS, che è cominciato come un “piccolo focolaio” di una rara forma di cancro tra i giovani gay in California e New York nel 1981, è diventato una delle più distruttive pandemie nella storia del mondo, colpendo più di 25 milioni di persone in tutto il mondo. Negli anni Novanta, ci sono state diverse scoperte nella lotta contro l’HIV con la ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci volti a combattere la malattia, ma ancora oggi nessuno di questi può sradicare completamente il virus dal corpo. Oggi la speranza viene da un trattamento di protezione contro la diffusione della malattia sotto forma di gel ad uso topico.

In uno studio clinico su 3099 donne sane condotto tra febbraio 2005 e settembre 2008 in Malawi, Sudafrica, Zambia, Zimbabwe e negli Stati Uniti, il PRO2000, una soluzione farmaceutica prodotta dalla Indevus Pharmaceuticals, con sede nel Massachusetts, ha ridotto il tasso di infezione da HIV nelle donne del 30% in più rispetto alle pazienti che non ne avevamo fatto uso.