Home » MEDICINA TRADIZIONALE » Aids » Un gel per proteggere le donne dall’HiV

Un gel per proteggere le donne dall’HiV

L’AIDS, che è cominciato come un “piccolo focolaio” di una rara forma di cancro tra i giovani gay in California e New York nel 1981, è diventato una delle più distruttive pandemie nella storia del mondo, colpendo più di 25 milioni di persone in tutto il mondo. Negli anni Novanta, ci sono state diverse scoperte nella lotta contro l’HIV con la ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci volti a combattere la malattia, ma ancora oggi nessuno di questi può sradicare completamente il virus dal corpo. Oggi la speranza viene da un trattamento di protezione contro la diffusione della malattia sotto forma di gel ad uso topico.

In uno studio clinico su 3099 donne sane condotto tra febbraio 2005 e settembre 2008 in Malawi, Sudafrica, Zambia, Zimbabwe e negli Stati Uniti, il PRO2000, una soluzione farmaceutica prodotta dalla Indevus Pharmaceuticals, con sede nel Massachusetts, ha ridotto il tasso di infezione da HIV nelle donne del 30% in più rispetto alle pazienti che non ne avevamo fatto uso.

Lo studio ha dimostrato che i gel microbicidi hanno un alto potenziale di protezione, in special modo nei Paesi africani dove l’uso del profilattico è poco diffuso e le donne sono spesso vittime di stupri. Gita Ramjee, principale autrice della ricerca, spiega:

Per la prima volta da quando l’epidemia ha avuto inizio siamo di fronte ad un prodotto che potrebbe scongiurare e limitare drasticamente la diffusione dell’Aids.

La scoperta è stata presentata alla sedicesima Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections svoltasi a Montreal. Anche se sono necessari ulteriori dati per determinare se il gel PRO 2000 protegge le donne dall’HIV, i risultati di questo studio sono incoraggianti. Un efficace microbicida sarebbe uno strumento prezioso che le donne potrebbero usare per proteggersi contro l’HIV e che potrebbe ridurre sostanzialmente il numero di nuove infezioni da HIV in tutto il mondo.

[Fonte: Healthnews.com]

Lascia un commento