Febbre dengue, Messico approva primo vaccino

Il Messico ha approvato il primo vaccino contro la febbre Dengue. Secondo i piani del governo sudamericano subito 40 mila dosi sono state preparate per essere distribuite nelle aree più colpite dall’infezione.

Febbre dengue: epidemia in corso in Brasile

E’ in corso un’epidemia di febbre dengue in Brasile. La situazione inizia ormai a preoccupare gli esperti. Sono state 600 dall’inizio dell’anno le persone che si sono rivolte ai nosocomi della città di Campo Grande, capitale dello stato brasiliano del Mato Grosso do Sul. Numeri concreti , che sottolineano una grave minaccia per i cittadini.

Col riscaldamento globale l’Europa è a rischio febbre dengue, malaria e febbre gialla

L’aumento delle temperature globali potrebbe stare già aiutando le malattie infettive a diffondersi verso Nord, secondo un rapporto degli scienziati europei dell’European Academies Science Advisory Council (EASAC).

La relazione collega le temperature più calde con la diffusione della febbre dengue, febbre gialla, malaria e anche peste in Europa.

Le influenze fondamentali dei cambiamenti climatici sulle malattie infettive può già essere individuata ed è probabile che nuovi vettori e agenti patogeni emergeranno e si stabiliranno in Europa entro i prossimi anni

dice la relazione. Il gruppo di studio è formato da 26 accademie nazionali della scienza indipendenti di tutta l’Unione europea. Gli esperti climatici delle Nazioni Unite consigliamo di ridurre le emissioni di carbonio per evitare l’aumento delle temperature globali oltre i 2 gradi Celsius, sopra cioè i livelli pre-industriali.

Inventata zanzara geneticamente modificata per debellare la febbre dengue

Un nuovo ceppo di zanzare, in cui le femmine non possono volare, può aiutare a ridurre la trasmissione della febbre dengue, secondo gli scienziati dell’Università della California di Irvine e i loro colleghi britannici di Oxford. La febbre dengue provoca gravi sintomi simili a quelli dell’influenza, ma molto più gravi. Si stimano da 50 a 100 milioni di casi all’anno, e quasi il 40% della popolazione mondiale è a rischio. Il virus dengue si diffonde attraverso il morso delle zanzare femmine Aedes aegypti, e non ci sono vaccini o cure.

I ricercatori però sono riusciti a creare una nuova razza. Le femmine non possono volare, e così finiscono con il morire rapidamente allo stato selvatico, limitando il numero di zanzare e riducendo, o addirittura eliminando, la trasmissione della dengue. I maschi del ceppo possono volare, ma non mordono, dunque non trasmettono le malattie.