Calendario 2012: “le donne che vincono” dopo grave infortunio sul lavoro

Calendario 2012. Questo  di cui vi parlo è secondo me il più bello. Ha un titolo emblematico: “Le donne che vincono” ed è stato realizzato dall’ANMIL (Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi del Lavoro), l’INAIL  (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) e Miss Italia.  E’ particolare, perché è autobiografico: 12 donne mese per mese si raccontano in poche ma intensissime righe, spiegando cosa ha cambiato per sempre la loro vita e come sono riuscite a risalire la china, a vincere contro il dolore e la mutilazione di un incidente sul lavoro.  Una sofferenza non solo fisica, ma anche soprattutto psicologica, di discriminazione, di accettazione di un corpo mutilato.

Malattie professionali: una prevenzione è possibile

Le malattie professionali hanno una valenza sociale spesso trascurata. Ogni anno giungono all’Inail quasi 30.000 domande di risarcimento. Gli ultimi dati segnano un aumento dell’11% dovuto probabilmente all’emersione del fenomeno e alla maggiore sensibilità delle istituzioni competenti, più che a un peggioramento delle condizioni degli ambienti di lavoro.

Nel 2008 un decreto ministeriale ha approvato nuove tabelle inserendo patologie emergenti. Ma come fare a districarsi in normative, tabelle e malattie varie? Come mettere in sicurezza ambienti di lavoro onde evitare rischi per la salute dei lavoratori? La prevenzione è l’arma principale. Alis Srl è una società di servizi e consulenza che si occupa  di queste tematiche da molti anni, sia in ambito pubblico che privato.