Mucus fishing, trend da evitare per la salute degli occhi

Mucus fishing è un nome che non dice molto a meno che non si navighi all’interno del social network cinese Tik Tok dove il nuovo trend sembra essere diventato proprio quello di “andare a pescare” il muco oculare, non rendendosi conto di arrecare danni importanti alla salute degli occhi.

 

4 errori comuni fatti sul raffreddore

Quali sono gli errori più comuni che si compiono con il raffreddore? Quando si è in queste condizioni spesso si tendono ad utilizzare rimedi od intraprendere azioni non sempre capaci di portare dei veri benefici. Scopriamoli insieme.

Perdite bianche, gialle, dense e maleodoranti, è la candida?

Le perdite bianche vaginali creano spesso ansia e preoccupazione, ma nella maggior parte dei casi si tratta si secrezioni (della cervice uterina) del tutto fisiologiche nella donna. Di solito sono presenti soprattutto durante l’ovulazione e prima del ciclo mestruale, in caso di eccitamento sessuale e durante la gravidanza. In alcuni casi tali perdite (soprattutto se di colore e consistenza diversi) sono il sintomo di un’infezione vaginale.

Muco nel naso e nei bronchi: a che serve?

Oggi parliamo di muco. Approfittiamo dell’occasione che ci viene donata da uno studio dedicato condotto dall’Università del North Carolina e recentemente pubblicato sulla rivista di settore Science. Da tutti noi è ritenuto un vero e proprio fastidio, ma sia quello polmonare, conosciuto sotto il nome di catarro, sia quello nasale hanno una funzione ben precisa che ora analizzeremo.

Tosse grassa, i rimedi naturali

La tosse grassa, al pari di quella secca, può essere un vero tormento a causa del catarro, che il nostro organismo, per difendersi, tenta di eliminare attraverso il colpo di tosse. I rimedi naturali, tuttavia, non mancano, dai cataplasmi agli sciroppi naturali.

Via la tosse con prodotti naturali!

Subito dopo il mal di gola, fa la sua comparsa la tosse. A dar fastidio ci si mette soprattutto durante la notte e impedisce di dormire in modo riposante, disturbando di continuo il sonno. Mentre lo sforzo e i continui accessi irritano ancor di più la gola e prolungano l’infiammazione. Per mandarla. via la prima cosa è, se si ha il vizio, smettere di fumare. Poi bisogna evitare l’aria secca, gli ambienti inquinati, fumosi e affollati, che irritano la gola, acuiscono la tosse e facilitano l’aggressione di batteri e virus.

A seconda del tipo di tosse, secca o grassa, ci sono rimedi diversi. Quando la tosse è produttiva occorre sciogliere il catarro a livello dei bronchi e utilizzare sostanze che svolgano un’azione balsamica. Oltre a bere molto, per sciogliere il muco si ricorre agli sciroppi. La natura in questo caso arriva in nostro soccorso con l’edera, le cui foglie sono ricche di saponine che agevolano l’espettorazione del catarro. In molti prodotti fitoterapici è associata al timo il quale, oltre all’azione fluidificante, aiuta a dilatare le vie respiratorie e ad alleggerire il respiro. Se invece è secca, meglio sedarla, per evitare che irriti ancora di più le mucose già infiammate.

Raffreddore, cause e rimedi naturali

L’estate volge al termine. Il ritorno a scuola, l’aria più fresca e le foglie che si colorano d’autunno sono tutti segni evidenti ed inevitabili della fine della bella stagione. Ma vale lo stesso anche per il raffreddore, considerato talora un vero e proprio campanello d’allarme dei primi freddi?
Secondo una recente indagine, la maggioranza della popolazione adulta è colpita in media dai due ai quattro raffreddori all’anno, dati che raddoppiano nel caso dei bambini.

Nonostante il nome, i raffreddori non sono affatto causati dal freddo, bensì dal calore umano. Sfortunatamente, non esiste alcuna possibilità di trovare una via di scampo dall’attacco degli starnuti frequenti.
Secondo il dottor Jack Gwaltney dell’Università della Virginia, l’unico modo per essere sicuri di non prendere un virus che scateni il raffreddore, è diventare un eremita.