9 sintomi di depressione insospettabili (FOTO)

Sintomi della depressione? Non sono sempre facili da identificare, spesso si confondono con melanconia e tristezza, o peggio con un atteggiamento caratteriale. In realtà sappiamo che quando la tristezza è continua, non passa, quando si vive in un costante stato d’ansia, mancanza di forze ed energia, si tende a piangere per ogni minima cosa, si perde interesse per tutto, si pensa solo in negativo o si hanno prolungati disturbi del sonno, è il caso di rivolgersi ad uno specialista in psichiatria o psicologia perché si tratta di sintomi abbastanza specifici della depressione, specie se sono almeno 2 o 3 insieme. Esistono però altri campanelli d’allarme, decisamente insospettabili, che è opportuno conoscere.

Saldi: combattere lo shopping compulsivo in 4 mosse

Abbiamo per voi 4 consigli per combattere lo shopping compulsivo. Da molti viene commentato con un’alzata di spalle, ma il desiderio irrinunciabile di acquistare oggetti, facilitato durante i saldi, è un vero e proprio problema psicologico.

Fare shopping aiuta a mantenere la linea

Solitamente è il sesso femminile ad essere attratto maggiormente dallo shopping, ma ultimamente questa tendenza sta incominciando a interessare anche l’universo maschile. Fare acquisti, girare nei negozi alla ricerca di qualche accessorio o qualche capo è una delle attività che si fa con più piacere durante le feste, quando le strade delle città e le vetrine sono particolarmente decorate ed illuminate, ma sopratutto nel periodo dei saldi.

A volte però, il desiderio di acquistare qualcosa può diventare una vera e propria patologia tanto da essere chiamata “sindrome da shopping compulsivo”. Senza arrivare a questi livelli, però, sembrerebbe che dedicarsi allo shopping sia un’ attività sana, in particolar modo per la linea e meno, ovviamente, per il portafoglio.

Lavoro, internet e cellulare sono le nuove dipendenze patologiche degli italiani

Con l’avvento di Internet e delle nuove tecnologie dell’informatica, della telefonia e dell’elettronica, sono sorte anche nuove patologie legate alla dipendenza dalla rete, dai cellulari, dall’aggiornare il blog personale.
Ricorderete tutti la notizia che fece scalpore sulla nocività per la salute di tenere costantemente aggiornato un diario on-line, o ancora i due ragazzini spagnoli costretti a disintossicarsi dall’uso insano ed improprio, diventato ossessivo, del cellulare.
I giovanissimi cellulari-dipendenti furono addirittura internati in una clinica dai genitori, esasperati da quella che era ormai divenuta un’insana mania.

Ebbene, i nuovi strumenti della comunicazione messi a disposizione dal veloce ed inarrestabile avanzamento della tecnologia, non sono a quanto pare solo un mezzo utile per tenersi in contatto a livello globale e accorciare le distanze, dal momento che, se usati scorrettamente ed impropriamente, possono arrecare disturbi psicologici e relazionali anche seri, portando alll’insorgenza di vere e proprie dipendenze.

Lo shopping compulsivo: che cos’è e come prevenirlo

La mania dello shopping compulsivo era stata già “scoperta” agli inizi del secolo scorso da Krapelin, che aveva parlato di “oniomania” o “mania di comprare“. Ma è solo nel 1996, grazie a Koran, psichiatra dello Stanford University, che si comincia seriamente a parlare di shopping compulsivo. Koran lo chiama “epidemia nascosta”, catalogando questa mania come una vera e propria malattia psichiatrica. E cosa s’intende per compulsione?

La compulsione non è nient’altro che un comportamento ripetitivo, un atto che non si può fare a meno di compiere, perché è l’unico modo che il soggetto ha per ridurre l’ansia che si porta dietro (e ciò si definisce egodistonico). In altre parole, il soggetto non la percepisce e non riesce a motivarla, anche se comunque si sente costretto a metterla in pratica. Nella compulsione la capacità decisionale è assente dal principio, e il soggetto si sente come sottomesso da un delirio alieno. Cosa diversa, e diciamo sottoscrivibile ad un comportamento normale, è la compensazione, ossia lo spendere per alleviare le frustrazioni e i malumori ego sintonico.