Cenone di Capodanno, i trucchi per alleggerire i piatti per favorire la digestione

Gli stravizi delle feste non finiscono di certo a Natale. Il cenone di Capodanno non è che la ciliegina sulla torta, e a pagarne le conseguenze è il nostro povero intestino. Per facilitare la digestione e tamponare l’eccesso di alimenti pesanti e dannosi per la flora batterica basta seguire qualche piccolo accorgimento per alleggerire i piatti, grazie anche alla “complicità” delle spezie.

Bruciore di stomaco, colpisce il 20% degli italiani

Il 20% degli italiani soffre di bruciore di stomaco, con prevalenza di donne, un disturbo fastidioso, che mina la qualità della vita. Da oggi, per imparare a riconoscere i sintomi e avere suggerimenti utili su come combatterlo, si può visitare il sito Osservatorio bruciore di stomaco, che si avvale della collaborazione di esperti in diverse aree, come gastroenterologi e dietisti.

Tumori, la curcumina potrebbe aumentare l’effetto della chemioterapia

La curcumina, la componente principale del curry, potrebbe aumentare l’effetto della chemioterapia. Diverse ricerche scientifiche, hanno dimostrato le virtù antiossidanti della curcumina, in grado di controllare la crescita dei radicali liberi e di combattere lo stress ossidativo. Ma secondo uno studio dell’University of Michigan Comprehensive Cancer Center, pubblicato su “Archives of Otolaryngology – Head and Neck Surgery”, la spezia usata sin dall’antichità dalla medicina Ayurvedica indiana renderebbe più efficace la chemioterapia nella cura dei tumori.

Dalle prime indagini condotte in vitro, sembrerebbe, infatti, che la spezia riesca ad aumentare la sensibilità delle cellule cancerose, riducendone la tipica resistenza alla chemioterapia. In questo modo, sarebbe possibile evitare il sovradosaggio e quindi i gravi effetti collaterali dei farmaci come il cisplatino, qualora la cura non produca l’effetto sperato o nei casi di recidive.

Le spezie riducono il rischio di cancro

Le spezie fanno molto di più che esaltare il sapore della carne. Esse possono anche ridurre l’effetto dei suoi composti che rischiano di causare il cancro. J. Scott Smith, docente di chimica degli alimenti alla Kansas State University, ha svolto diversi progetti negli ultimi anni alla ricerca di modi per ridurre le amine eterocicliche (HCA), composti cancerogeni che si producono quando i cibi muscolari, come ad esempio la carne, vengono cotti alla brace, alla griglia, bolliti o fritti. Il consumo di HCA aumenta i fattori di rischio per il tumore del colon-retto, stomaco, polmone, pancreas, mammella e prostata.

Smith, nella ricerca sostenuta dal Consorzio per la sicurezza alimentare, ha scoperto che alcune spezie contenenti antiossidanti naturali ridurrebbero i livelli di HCA del 40% se applicate alle carni bovine durante la cottura.

Il manzo tende a sviluppare più HCA di altri tipi di cibi cotti, come carne di maiale e di pollo. I tortini manzo sembrano essere la carne cotta con la più alta attività mutagena e possono essere la fonte più importante di HCA nella dieta umana.