Bimbo mangiava solo patate, con il trapianto è rinato

Un trapianto ha letteralmente cambiato la vita del piccolo Francesco (nome di fantasia) che, per una rara malattia, ha passato i primi quattro anni della sua vita a nutrirsi solo di patate. Affetto da colestasi intraepatica familiare progressiva di tipo I (PFIC1), è stato sottoposto presso l’IRCCS ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) di Palermo ad un intervento estremamente innovativo, ovvero un trapianto di fegato associato ad una derivazione interna dell’intestino.

Doppio trapianto di fegato e midollo su bimbo di 8 anni a Torino

Nei giorni scorsi è stato eseguito per la prima volta un doppio trapianto di fegato e midollo: il paziente è un bambino di appena otto anni, arrivato dal Venezuela e accompagnata dalla speranza di poter continuare a vivere. L’intervento, il primo in Italia di questo genere, è stato eseguito tra le Molinette e il Regina Margherita di Torino.

Padre dona fegato per trapianto, ma può salvare solo una gemella

Una triste storia quella che arriva dagli Stati Uniti e che racconta la difficile decisione di un padre costretto a scegliere tra le sue due figliolette, entrambe bisognose di un trapianto al fegato per vivere. La scelta dell’uomo, Michael Wagner, è stata difficile e delicata: ha infatti dovuto scegliere una sola delle due piccoline, condannando dunque l’altra ad attendere ancora nella speranza che un altro fegato arrivi.

Trapianto di fegato su neonata di sei mesi alle Molinette di Torino

Un trapianto di fegato su una neonata di sei mesi nata con una grave disfunzione è stato eseguito nella prima giornata dell’anno all’Ospedale Le Molinette di Torino. L’intervento pare essere andato bene anche se ancora l’imperativo è quello di mantenere stretta cautela per vedere gli sviluppi delle prossime ore.

Epatite C, efficacia trattamento Harvoni

Sofosbuvir in associazione a ledipasvir (Harvoni) ha mostrato una buona efficacia nel trattamento dell’epatite C cronica nei pazienti affetti da una forma recidivante della malattia e dotati di opzioni terapeutiche strettamente limitate o privi di tale possibilità.

Creato fegato da staminali, funzionerà sull’uomo?

Fegati umani creati in laboratorio con le cellule staminali fatti poi sviluppare fino al raggiungimento della loro maturità. La rivista di settore Nature da spazio ad un interessante quanto particolare studio condotto dai ricercatori della Yokohama City University Graduate School of Medicine, In Giappone.

Angelina Jolie in attesa di trapianto di fegato?

Angelina Jolie in attesa di un trapianto di fegato? Sono molte le voci che si rincorrono attraverso la stampa. E nessuna di loro lascerebbe presagire qualcosa di buono per la salute dell’attrice americana, compagna di Brad Pitt e madre di sei figli. Si parla di epatite C, anoressia e di uno stato di salute molto precario che la vorrebbe quasi in fin di vita. Nonostante la sua portavoce smentisca tutto.

Operazione al fegato completamente condotta con il robot Da Vinci

Gli italiani hanno conquistato ancora una volta un primato nel mondo della robotica. All’Ismett di Palermo è stata infatti condotta la prima operazione al fegato completamente condotta da un robot senza l’ausilio di del bisturi da parte di un chirurgo “in carne ed ossa” che ha guidato i bracci meccanici da una consolle.  Anche in questo caso a conquistare il ruolo di protagonista è stato il robot “Da Vinci”.

Trapianto di fegato, il paziente si controlla a distanza

Per spostare l’assistenza dei pazienti che hanno subito un trapianto di fegato dall’ospedale al loro domicilio è stato introdotto un nuovo dispositivo medico con sistema touch screen realizzato da Intel-Ge Care Innovations. Si chiama Guide ed entrerà per la prima volta in Italia attraverso uno studio pilota presso l’ISMETT di Palermo.

Paracetamolo, overdose: scoprire la necessità di trapianto di fegato grazie a test

Il paracetamolo è uno dei principi attivi di automedicazione più utilizzati per combattere infiammazioni, dolori e febbre. E’ un medicinale tra quelli con meno rischi per l’essere umano: ciò non toglie che un suo abuso sia da ritenersi pericoloso. In alcuni casi, un overdose di questo farmaco può condurre al trapianto di fegato. Una equazione è stata messa a punto per dirci quando questo è necessario.

Primo trapianto di fegato da donatore vivo su una bambina di 1 anno

E’ accaduto all’ospedale Bambin Gesù di Roma, e si tratta del primo trapianto di fegato da donatore vivente su una bambina di 1 anno e mezzo, affetta da cirrosi biliare. La malattia poteva portarla alla morte, ma la decisione tempestiva della mamma di donarle parte del fegato l’ha salvata.

Cancro al pancreas, è morto Steve Jobs

Alla fine non ce l’ha fatta. Steve Jobs ha perso la sua battaglia contro il cancro al pancreas che dal 2004 si è divertito a giocare con la sua salute.  Questa particolare tipologia tumorale è tra le più aggressive che possano colpire l’uomo. E difficilmente, sebbene il genio della Apple avesse specificato subito dopo la diagnosi che si trattava di una forma poco violenta, la sopravvivenza supera i cinque anni.

Steve Jobs, malato di cancro, lascia le redini della Apple

Steve Jobs, malato di cancro dal 2004, ha deciso di lasciare le redini della Apple a Tim Cook. Da molti anni, infatti, combatteva contro una rara forma di cancro al pancreas, a causa della quale ha subito anche un trapianto di fegato nel 2009.

Trapianti, progetto internazionale Thebera per l’Egitto

Quello dei trapianti è uno dei protocolli più complessi tra quelli messi in atto dalla medicina moderna. Sicurezza e qualità devono rappresentare la parola d’ordine in questo ambito.  Non tutti i paesi del mondo, per motivazione spesso non derivanti dall’impegno profuso non riescono a rispettarlo.

Per tal motivo nasce Thebera, il primo progetto di cooperazione internazionale di settore finanziato dall’Unione Europea. Un progetto che porta l’Italia a confermare il suo ruolo all’avanguardia. Il primo paese a beneficiarne sarà l’Egitto.