Vinoterapia, 5 trattamenti di bellezza più efficaci

La vinoterapia rappresenta una delle idee più innovative nel campo del benessere: si sfruttano le proprietà dell’uva per trattamenti specifici che mirano a restituire una pelle giovane e tonica e, allo stesso tempo, rilassare la mente. Quali sono i 5 trattamenti più efficaci nel campo della vinoterapia?

Degenerazione maculare, un aiuto dall’uva

L‘uva può essere una valida alleata nella prevenzione di alcune malattie che interessano l’occhio, come la degenerazione maculare, responsabile di un progressivo degrado della macula, cioè la zona centrale della retina, e che a lungo andare può portare anche alla cecità, soprattutto nelle persone anziane. Tuttavia, sembra esserci una speranza, ancora una volta dagli antiossidanti delle frutta.

L’uva riduce il rischio di diabete e malattie cardiache

L’uva da tavola potrebbe rallentare l’insorgere di condizioni come l’ipertensione e l’insulino-resistenza la quale porta a malattie cardiache e diabete di tipo 2. Gli scienziati della University of Michigan Health System hanno trovato in questo frutto delle sostanze fitochimiche, antiossidanti presenti in natura, dal potere quasi miracoloso.

I risultati di uno studio effettuato sugli animali presentato al convegno Experimental Biology ad Anaheim, in California, mostra risultati incoraggianti di una dieta con molta uva, la quale è in grado di prevenire i fattori di rischio per la sindrome metabolica, una patologia che affligge centinaia di milioni di persone in tutto il mondo ed è spesso un precursore del diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno studiato l’effetto delle uve da tavola di ogni tipo sulla dieta dei topi da laboratorio che prevedeva un’alta percentuale di grassi, com’è nello stile americano odierno. Tutti i ratti utilizzati appartenevano ad una razza che tende ad essere in sovrappeso. Dopo tre mesi, i ratti che avevano ricevuto la dieta con molta uva avevano abbassato la pressione sanguigna, presentavano una funzione cardiaca migliore, trigliceridi più bassi, una migliore tolleranza al glucosio, e gli indicatori di infiammazione nel cuore e nel sangue si erano ridotti rispetto ai topi che seguivano la dieta normale.

Dopo le vacanze stive prepariamo il nostro corpo per l’autunno!/1

Come per la natura, anche per il nostro fisico l’autunno rappresenta un importante momento di passaggio, di rigenerazione e di preparazione alla rinascita. Per affrontarlo al meglio non dobbiamo farci cogliere impreparate dopo il relax estivo, ma anzi, correre ai ripari per affrontare al meglio la stagione invernale. Ecco quindi qualche pic­colo consiglio per la vostra bellezza, non solo esteriore. Se per tutta l’estate ci siamo date alla pazza gioia con gelati e cocktail rinfrescanti  ma ricchi di calorie, ora è venuto il momento di riem­pire il frigo di frutta e verdura rigorosamente di stagione. Scopriamo quindi anche i benefici di qualche prodotto autunnale:

  • Mele: le mele sono ritenute da molti studiosi un valido aiuto contro il rischio di tumori, disturbi cardio­vascolari, asma e diabete. Sono piene di fibre e possiedono pochissime calorie, praticamente un’equazione perfetta!
  • Pere: aiutano la funzionalità pol­monare riducendo il rischio di asma, inoltre combattono, grazie ai flavonoidi e agli acidi organici deboli, l’azione acidificante di al­cuni alimenti di origine animale.
  • Fichi: sono una vera e propria manna contro la stitichezza (il lat­tice della buccia contiene enzimi digestivi) e sono d’aiuto anche contro le bronchiti. Sono più calorici di altra frutta, ma sempre meglio qualche fico che una merendina!

Uva riduce rischio malattie cardiovascolari

La comune uva da tavola può essere di aiuto per prevenire e curare malattie e disturbi cardiaci. E’ quanto afferma un recente studio condotto dai ricercatori dello University of Michigan Cardiovascular Center. Questo frutto è ottimo per combattere la pressione arteriosa alta collegata ad una dieta salata e per contrastare alcuni fattori di rischio connessi a patologie del cuore come l’insufficienza cardiaca.

La ricerca ha evidenziato il potenziale utilizzo dell’uva per la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari. L’effetto benefico può essere dovuto ad un elevato livello di fitochimici, antiossidanti naturali contenuti nei chicchi di uva.
Lo studio, condotto su ratti di laboratorio, ha fatto riportare risultati incoraggianti, anche se sono necessarie ulteriori ricerche per verificare l’impatto sull’uomo.

Uva, il frutto amico della salute

Sapevate che l’uva è utile per combattere l’invecchiamento, preservare la bellezza di pelle e capelli e addirittura per contrastare scompenso cardiaco e neuropatie?

Parola di Chiara Trombetti, dietista dell‘Istituto clinico Humanitas Gavazzeni di Bergamo:

Ogni acino contiene nella buccia nella polpa una ‘mini farmacia, utile contro scompenso cardiaco e neuropatie, alleata anti-invecchiamento e cura di bellezza per pelle e capelli.

Infatti, aggiunge l’esperta

L’uva ha notevoli qualità di cui può beneficiare il nostro organismo, la spremitura dei vinaccioli dà un olio ricco di acidi grassi polinsaturi che aiutano a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue