Home » COSTUME & SOCIETA' » Costume e Società » Ambrosia, arriva l’ultima allergia di stagione

Ambrosia, arriva l’ultima allergia di stagione

Gli antichi si riferivano al suo succo come al “nettare degli Dei”, ma molti comuni mortali oggi ne farebbero volentieri a meno. Stiamo parlando dell’ambrosia, un fiore che cresce specialmente nell’area della Lombardia e che, fiorendo proprio in questo periodo, cioè sul finire dell’estate, diventa ufficialmente l’ultima causa di allergie dell’anno.

Dopo l’esposizione ai pollini, graminacee e tutto ciò che ci può colpire da marzo ad agosto, la stagione delle allergie è pronta ora a concludersi, anche se passare attraverso questi banchi di pollini di ambrosia non sarà così semplice.

Secondo i calcoli dell’Istituto Allergologico Lombardo, le allergie legate a questo fiore sono in costante aumento negli ultimi anni, di circa l’1-2% all’anno.

Il record è di Castellanza, in provincia di Varese, dove gli allergici sono il 15% della popolazione. E l’allergia sta oltrepassando i confini regionali.

Ma come mai si sta diffondendo con così tanta velocità? Secondo Claudio Ortolani, direttore dell’Istituto, il motivo è che questi piccolissimi pollini che sembrano chicchi di riso si accumulano vicino alle strade, ed i loro piccolissimi aculei si agganciano ai pneumatici delle auto. Da qui all’esposizione umana poi il salto è breve, anche se si vive a diversi chilometri da dove la pianta fiorisce.

Ma i guai non finiscono qui. Infatti oltre all’ambrosia, che si calcola possa colpire circa 300 mila persone nella sola Lombardia, a creare problemi ci sono anche mais, riso e grano,

E poi c’è l’alternaria, una muffa che cresce proprio su queste piante

spiega Elide Pastorello, Primario di Allergologia all’ospedale Niguarda di Milano. Insomma, un vero e proprio calvario per chi soffre di allergie di stagione. I sintomi li conosciamo tutti, e non c’è nulla di diverso da quelli delle altre forme allergiche simili: raffreddore, occhi rossi, naso che cola, e persino asma per i più sensibili o per chi ha già altri problemi respiratori. E come per i sintomi, anche i rimedi non cambiano. Esistono infatti dei vaccini sublinguali o per iniezione sottocutanea, i quali però vanno somministrati 3 mesi prima dell’inizio della stagione dei pollini, mentre per chi non ha ottenuto la prevenzione adeguata, in caso di attacco le soluzioni sono antistaminici e cortisonici.

[Fonte: Corriere della Sera]

Lascia un commento