Home » COSTUME & SOCIETA' » Costume e Società » Wii, altro che virtuale: i danni sono reali

Wii, altro che virtuale: i danni sono reali

Dopo l’introduzione della console per videogiochi Wii nel 2006, sempre più legamenti e tendini nelle mani dei giocatori sono coinvolti in incidenti, tanto da far pensare che le due cose possano essere collegate.

Prima che questi tipi di giochi fossero introdotti, in genere i pazienti che si presentavano con lesioni del legamento della mano facevano un uso intensivo di controller per videogames

ha osservato Karen A. Eley, dottoressa di chirurgia plastica e candidata al dottorato all’Oxford Radcliffe Hospitals NHS Trust in Gran Bretagna, che ha delineato la natura specifica di quello che oggi è conosciuto come “Wiiite” in un articolo pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Ora, le ferite sembrano interessare qualsiasi regione del corpo.

Nel suo commento, Eley ha spiegato che la cosiddetta “Nintendinite” del 1990, che coinvolgeva il dolore del tendine del pollice, ha ceduto il passo ad un crescente numero di infortuni legati ai piedi, in combinazione con l’aumento della popolarità della Wii. Tali lesioni possono capitare, per esempio, quando i giocatori sani mettono della pressione extra su parti sensibili sulle pedane della Wii, che vengono sollevate due centimetri da terra e sono progettate per leggeri movimenti del corpo dei giocatori, senza la necessità di controlli con la mano.

Questo tipo di caduta è stata considerata in grado di provocare gonfiore dei tessuti molli, lussazioni, stiramenti muscolari e anche piccole fratture, come evidenziato dalla Eley in riferimento ad un caso di una quattordicenne ricoverata per tali lesioni in un ospedale britannico. I trauma cranici sono un altro aspetto della Wiiite, ma capitano in gruppi di giocatori in spazi ristretti, provocati involontariamente inciampando e sbattendo la testa. Nonostante le sue osservazioni, Eley ha detto che le lesioni da Wiiite non sono ancora un rischio frequente di gioco.

Non ho incontrato molti infortuni di questa natura. Credo che in certi casi alcune persone siano solo piuttosto sfortunate. Sono sicura che molte più persone sloghino le loro caviglie quando perdono l’equilibrio durante il Wii-fit, ma il danno non è sufficientemente consistente per cercare cure mediche. Noi consideriamo solo quelli che sono particolarmente gravi.

E, passando alle note più positive, Eley ha aggiunto che la Wii, di fatto, incoraggia le persone che potrebbero altrimenti essere sedentarie ad alzarsi e muoversi.

si spera questi giochi porteranno le persone a partecipare all’esercizio, favorendo la nostra lotta contro l’obesità, malattie cardiache e il diabete.

Robert Gotlin, direttore del dipartimento Sport e Riabilitazione al Beth Israel Medical Center di New York City, è d’accordo con la teoria di Eley che mentre il rischio di lesioni causate dalla Wii è reale, non è un motivo di allarme.

Qualsiasi attività fisica porta sempre con sé il rischio di lesioni. Abbiamo visto [casi] su tutta la linea, che vanno dal cosiddetto pollice “BlackBerry” alle lesioni al polso della Nintendo. E anche se tutto ciò comporta qualche rischio, come lo è il saltare su un divano e lo scendere un marciapiede, in questo caso la Wii coinvolge in gran parte bambini, quindi dovremmo cercare di fare in modo che sia sicura. Questo significa che – come qualsiasi altra attività – non deve essere esagerata.

[Fonte: Health24]

Lascia un commento