Tapazole per ipertiroidismo, per quanto tempo si può assumere?

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico

Specializzazione: Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema :ipertiroidismo

“Causa ipertiroidismo dal 2003 assumo a periodi alterni Tapazole (è sufficiente mezza pastiglia a giorni alterni ed i valori TSH rientrano nella norma), è possibile continuare per tutta la vita l’uso di tale medicinale? Grazie.”

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Email: [email protected] cell. 3458092414. “

 Per leggere le sue precedenti risposte ed interviste: Dottor Mario Francesco Iasevoli.

 “Salve, in genere il Tapazole non si può assumere per più di due anni consecutivi, poi va sospeso e in genere si aspetta un anno per una nuova assunzione; se poi dopo un nuovo ciclo si ha ripresa di malattia allora si intraprendono altre strade. Da ciò che mi dice intuisco che lei abbia un ipertiroidismo subclinico con valori di Tsh borderline; non posso intuire la causa(forse un gozzo?); tali situazioni in genere non richiedono trattamento, ma si tengono solo sotto controllo. Bisogna valutare il rapporto tra il rischio della terapia e il reale beneficio di essa se paragonata a nessun intervento. Ora bisogna valutare quanto durano questi cicli e quanto tempo intercorra tra l’uno e l’altro. Di certo la dose che assume è quasi insignificante e gli effetti collaterali si riducono fino ad essere vicini allo zero. Ipoteticamente potrebbe assumerlo anche per lunghi periodi, ma va sempre valutato se realmente ha bisogno di assumerlo. Altri interventi terapeutici tendo ad escluderli attualmente. Si consulti con un centro di riferimento di Eccellenza per le patologie tiroidee che le saprà dare informazioni più precise delle mie, previa visita clinica. Cordiali saluti”

 

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>