5 motivi per non lasciare i bambini soli in macchina, specie d’estate (FOTO)

di Valentina Cervelli 0

Vi sono almeno 5 motivi per non lasciare i bambini in macchina specialmente d’estate. E guardando la questione da un punto di vista oggettivo dovrebbe essere anche inutile specificarne le ragioni: basta pensare ai pericoli che si possono riscontrare in un’automobile.

E’ assurdo concepire di lasciare un bambino o un neonato da solo in automobile anche se per poco tempo. Vediamone insieme le ragioni. Alcune di esse sono particolarmente valide di estate, ma più in generale ve ne sono altre da tenere in considerazione a prescindere dalla stagione.

1. Disidratazione

Uno dei motivi per i quali i neonati ed i bambini piccoli non dovrebbero essere lasciati in macchina da soli è ovviamente legato all’aumento della temperatura interna dell’abitacolo. Possono essere anche solo pochi minuti, ma parliamo di un intervallo di tempo nel quale non è possibile controllare né il bambino né il luogo nel quale lo stesso si trova. Qualsiasi cosa succeda, se non si è presenti, non si può agire. E la disidratazione è uno di quelli. Insolazione, colpo di calore: i pericoli sono molti.

2. Ipertermia

Il problema dell’ipertermia merita di essere affrontato separatamente. Essa è una condizione che si instaura in ambienti molto caldi, quando la temperatura sale, l’umidità è alta ed il corpo non è in grado più di produrre il sudore necessario all’organismo per regolare la sua temperatura. E’ una condizione molto pericolosa per gli adulti: nei bambini ovviamente è ancora peggiore. Gli stessi ed i neonati infatti, per via della loro ridotta superficie corporea, resistono con minore facilità ad uno squilibrio elettrolitico come quello causato dalla disidratazione e la mancanza di liquidi e di sali minerali li porta molto velocemente verso problemi cardiovascolari, respiratori e neurologici che possono condurre anche al decesso.

3. Ustioni

Ovviamente quando si parla di bambini ed automobili con il caldo i raggi del sole diventano i principali colpevoli del loro malessere. I vetri degli abitacoli non solo coadiuvano la salita della temperatura interna della stessa, ma sono in grado di concentrare e aumentare la forza delle radiazioni solari portando i bambini ed i neonati a facili scottature.

4.Rapimenti

E’ qualcosa a cui difficilmente si pensa. Ma quando si lascia la macchina incustodita non si può non tenere da conto che qualsiasi malvivente interessato ad abusare di un bambino o a rapirlo per motivi economici potrebbe avere la sua occasione. Non volendo entrare nelle conseguenze di un approccio riuscito del delinquente, pensate al trauma psicologico del bambino che subisce un tentativo di rapimento: lo spavento, la confusione, le possibili ferite fisiche che potrebbe sperimentare. Una condizione pessima che rischia di avere forti e futuri strascichi che potrebbero necessitare di un aiuto professionale per la guarigione.

5 .Tagli, traumi e ferite

Lasciare incustodito un bambino in auto è un problema anche per le ferite, i traumi ed i tagli che lo stesso potrebbe crearsi da solo. Volendo far finta di non dare peso al fatto che lasciare anche per qualche minuto un neonato o un bambino in auto sia la cosa meno intelligente da fare, nel corso di pochissimo tempo il giocattolo con il quale il bambino sta giocando potrebbe rompersi e ferirlo o un insetto al quale non si era fatto caso può morderlo o pungerlo scatenando reazioni allergiche e shock anafilattico. O ancora, e deve essere tenuto da conto nonostante la presenza del seggiolino che li tiene fermi e quindi presumibilmente non in grado di dare loro il giusto spazio di movimento, la possibilità che gli stessi riescano a muoversi nell’abitacolo se più grandicelli capiscono come slacciare le proprie cinture di sicurezza. Sono tutte possibilità che devono essere vagliate per il benessere dei propri bambini, a prescindere dalla loro età.

Fonte | Ministero della Salute

Photo Credits | Dubova / Shutterstock.com
Photo Credits | Konstantin Sutyagin / Shutterstock.com
Photo Credits | Tomsickova Tatyana / Shutterstock.com

Photo Credits | Mukhina Viktoriia / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>