Odissea di un anziano che, colpito da aneurisma, non trova accoglienza in ben 11 ospedali

di Redazione 1

Un nuovo caso di malasanità che lascia sconcertati e scandalizzati al racconto di quella che è stata paragonata ad una vera e propria Odissea e che invece è una storia drammatica che ha poco a che vedere con l’epica e si inscrive bensì nel libro nero della sanità pubblica italiana.

Tutto è cominciato lunedì mattina quando l’uomo, settantotto anni residente a Lamezia Terme, affetto da aneurisma, ha cercato un ospedale che potesse curarlo: Lamezia, Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Catania, Messina, Napoli, Palermo, tutte queste strutture si sono rivelate indisponibili ad ospitarlo, fino a quando il povero paziente non è approdato al Policlinico di Bari, dove gli è stata bloccata l’emorragia nell’unità di neuroradiologia ( perché nell’appropriato reparto di neurochirurgia non c’era  posto).
Da qui il malato è stato trasferito nel reparto di rianimazione del nosocomio di Andria e le sue condizioni sembrano stazionarie. Sul caso è stata aperta un’attività di verifica da parte del Dipartimento della salute, sollecitata dal presidente della regione Calabria Agazio Loiero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>