Primo cinema in ospedale al Gemelli di Roma

Al Policlinico Gemelli di Roma è nato il primo cinema di sempre in un ospedale italiano. Un progetto che vanta la partecipazione di molti nomi importanti e che ha già ricevuto un riconoscimento: essere la sala più grande d’Europa nel suo genere.

Le 5 migliori serie televisive sulla medicina

Sono tante le serie televisive sulla medicina e alcune sono diventate molto popolari anche in Italia. Chi non si ricorda di un George Clooney alle prime armi impegnato a districarsi tra i corridoi dell’ospedale di Er – Medici in Prima Linea? Insomma basta solo fare mente locale e gli esempi di prodotti tv che approfondiscono le dinamiche tipiche degli ospedali fioccano che è una meraviglia. Vediamo quali sono le 5 migliori serie tv sulla medicina che si sono succedute in questi anni.

Tagli alla sanità: ecco cosa ci aspetta

I tagli alla sanità hanno rappresentato la parte più gravosa ed annosa della spending review voluta dal Governo per tentare di mantenere in ordine i conti pubblici. Tralasciando eventuali polemiche politiche sui tagli possibili senza agire sulla sanità pubblica, vediamo insieme cosa ci aspetta con il decreto firmato questa notte dal Consiglio dei Ministri.

Per il dolore cronico poche le strutture specializzate

Il dolore cronico è una malattia che in diverse forme ed attraverso una serie quasi infinita di patologie colpisce un numero davvero alto di italiani. Purtroppo però rispetto alle persone colpite, le strutture specializzate adibite alla sua terapia sul territorio sono davvero poche. Secondo l’Istat almeno il 20% degli italiani soffre di questa condizione, ma nella maggior parte dei casi rimane in silenzio rassegnato ad una ricerca di pace senza esiti.

Il dolore cronico negli ospedali italiani

Il dolore cronico in ospedale. Una realtà dalle molteplici cause da non limitare al solo dolore oncologico. Quasi quattro pazienti su dieci ricoverati in una struttura sanitaria provano dolore. I più diffusi? Quello addominale e quello alle ossa seguito da articolazioni e muscoli. E’ questo il risultato della prima ricerca sul dolore in ospedale mai svolta, condotta dai medici della Fadoi, la Federazione delle associazioni dei dirigenti ospedalieri internisti.

I migliori ospedali italiani: come scegliere il reparto in base alla patologia

I migliori ospedali d’Italia: come scegliere il reparto adatto alle proprie patologie?  Si può davvero scegliere l’assistenza sanitaria adeguata? Ora è possibile davvero, grazie ai dati raccolti dal Ministero della Salute e dall’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari e regionali, nell’ambito del “Programma nazionale Esiti” ed anticipati dalla rivista Focus.

Maltempo, salute e sanità in emergenza, ecco come la si sta affrontando nel Lazio

L’ondata di neve e gelo ha pervaso, come previsto tutta l’Italia colpendo in particolar modo il centro-sud. La Regione Lazio, con la capitale Roma, in testa, dopo i primi fiocchi di neve di ieri mattina è entrata in crisi. A volte, chi si trova al caldo, in casa, e non è obbligato ad uscire per andare in ufficio non si rende neppure conto di ciò che tutto questo può significare, come possa mettere a repentaglio la vita oltre che la salute di tante persone, eppure gli esperti lo sanno. Per questo date le previsioni meteorologiche il Ministero della Salute ha diffuso un decalogo di consigli per evitare i rischi per la salute dovuti al freddo, che puntualmente vi abbiamo proposto ieri.

Israele e Kenya unite in nome della sanità avanzata

L’emergenza sanitaria in Kenya potrebbe essere alleviata da una tecnica di ultima generazione inventata in Israele. Il modello di struttura sanitaria innovativa è stato realizzato dal Terem Emergency Health Centers, una catena di 5 centri medici d’emergenza con sede a Gerusalemme, che basano la loro strategia sulle tecnologie della comunicazione.

Egitto: ospedali da campo in metropolitana, scarseggiano i medicinali


Egitto. Più di 150 morti ed un numero imprecisato di feriti. La situazione ieri a Il Cairo è ulteriormente precipitata. Le manifestazioni e gli scontri di piazza sono diventati una vera guerriglia urbana tra forze governative ed oppositori. Al centro, famiglie comuni che fino a pochi giorni fa avevano una vita normale: casa, ufficio, scuola, tempo libero e di sicuro terapie mediche, farmacologiche o riabilitative. Pensiamo a chi deve fare dialisi, o a chi deve sottoporsi a chemioterapia e per arrivare alla struttura di interesse deve passare nelle zone degli scontri! La normalità non c’è più. E’ difficile capire in queste ore quale sia la situazione negli ospedali, negli ambulatori, nelle farmacie, anche a causa della caccia allo straniero e ai giornalisti in primis. Ma alcune importanti immagini e testimonianze sono comunque arrivate.

Un medico racconta di aver curato numerosi feriti nella metropolitana di Piazza Tahrir (il luogo in cui ieri si sono concentrati gli scontri) trasformata in un pronto soccorso da campo, senza farmaci adeguati ne materiali sterili. Nel video che segue, una testimonianza raccolta da Euronews.

Ristorazione ospedaliera, approvate linee guida contro malnutrizione dei pazienti

Malnutrizione negli ospedali, un problema concreto, che accresce il numero e la durata dei ricoveri, rallenta il percorso di guarigione, rende ancora più spiacevole la degenza e grava sul Servizio Sanitario Nazionale, facendo finire nella pattumeria migliaia e migliaia di pasti ogni giorno.

Un passo in avanti verso la risoluzione della spinosa questione è stato compiuto in questi giorni dalla Conferenza Stato-Regioni che ha approvato le Linee di indirizzo nazionale per la Ristorazione ospedaliera e assistenziale, che erano state stilate dagli esperti del Ministero della Salute.

Salute: in Germania i rimedi più usati sono quelli “della nonna”

“Paese che vai, usanza che trovi”: verrebbe da recitare questo detto per commentare un’interessante inchiesta condotta in Germania da Geo, periodico mensile della Mondadori tedesca diretto da Marco Casareto, sull’utilizzo e la diffusione della medicina naturale. Il panorama tedesco è sempre stato all’avanguardia per quanto riguarda questo tipo di approccio alla salute e tra la popolazione sono davvero in tanti a preferire i rimedi naturali ai  farmaci tradizionali.

L’aspetto interessante, però, evidenziato da Geo è che questi rimedi casalinghi sarebbero praticati frequentemente anche in strutture pubbliche e private, cliniche ed ospedali. Non è raro, quindi, assistere a terapie che vengono somministrate sotto forma di impacchi di erbe ed alimenti, anche per curare alcune patologie importanti.

Inchiesta Shock di Panorama: al vaglio 4 ospedali italiani

Si parla tanto delle condizioni della sanità italiana e ci si spaventa già di fronte le notizie e le immagini riportate dall televisione ed i giornali, ma ci sarebbe da avere ancora più paura se si aprisse davvero una porta di qualche struttura ospedaliera in Italia e si toccasse con mano la realtà.

Questo è quello che ha fatto Carmelo Abate, giornalista di Panorma, che nelle settimane scorse ha condotto un’inchiesta in giro per gli Ospedali dello stivale per svelare le reali condizioni. Così, con uno stratagemma per non rivelare la propria identità,  è riuscito ad entrare, non senza qualche difficoltà, negli ospedali di Catanzaro, Napoli, Isernia e Venafro.

Sistema Sanitario Nazionale: ottimo al Nord, ma al Sud…

Le recenti vicende di malasanità hanno riacceso il dibattito sulla percezione degli italiani sul proprio Sistema Sanitario Nazionale. E’ infatti inutile fare di tutta l’erba un fascio. Se per errori di valutazione, farmaci sbagliati o problemi strutturali ci fosse qualche caso della cosiddetta “malasanità”, non sarebbe una cosa saggia tacciare l’intero sistema di inefficienza. Come in tutti i campi ci sono le eccellenze e le carenze. Per questo la Anaao Assomed (Associazione Medici Dirigenti) ha voluto capire da vicino cosa gli italiani pensano del proprio Sistema Sanitario Locale, per capire dove agire e chi invece premiare.

Il campione nazionale, che prevedeva l’intervista a persone con più di 25 anni di età, ha dato un esito positivo per quanto riguarda il Nord. Gli ospedali settentrionali infatti sono risultati i più soddisfacenti, hanno cioè raccolto il consenso del 66% degli intervistati. Male al Centro, in cui meno della metà (il 46%) li apprezza, mentre peggio ancora al Sud, in cui solo il 41% è contento del suo sistema sanitario.