Home » Medicina News » Sanità, chiude centro prenotazioni visite nel Lazio

Sanità, chiude centro prenotazioni visite nel Lazio

Domani, giovedì 14 febbraio, il Recup, il centro  unico di prenotazione di visite specialistiche della Regione Lazio chiuderà. Lungi da noi polemizzare politicamente, ma è il caso di riflettere sull’impatto che una simile bruttura del sistema apporterà ancora una volta alla sanità della zona.

Antefatto: è un anno che la Regione non paga. Ed il centro non ce la fa più a gestire la situazione. Circa 700 persone verranno messe “in mobilità”. Di loro 300 sono disabili. Inutile dire che nelle persone coinvolte questa situazione creerà un forte stress e del disagio psicofisico. Passiamo ora all’impatto sulla popolazione. A causa della chiusura del Recup, il quale gestiva in modo egregio la prenotazione degli esami telematicamente, i cittadini che avranno bisogno di visite specialistiche o particolari prestazioni sanitarie, non potranno più alzare il telefono e terminare la pratica nel tempo necessario all’operatore di trovare il posto e confermare dei codici. Chi ne avrà bisogno, sarà costretto ad andare di persona, con la ricetta compilata dal proprio medico di famiglia, nei centri convenzionati, nelle Asl e negli ospedali pubblici per prenotare il suo esame. Sia che si tratti di una risonanza magnetica, una ecografia o una visita dall’ortopedico.

In un anno il Recup di media gestisce più di 3 milioni di visite. Cosa potrà accadere nelle Asl laziali da domani in poi? Nella migliore delle ipotesi code lunghe e stress immenso per la popolazione.  Dalla Regione Lazio la risposta è arrivata immediata: i fondi ci saranno ed arriveranno prestissimo.  Sarà vero? La speranza è che ciò avvenga nei tempi più brevi possibili. La mancanza di un servizio di assistenza alla popolazione così semplice e eppure così necessario, non raggiungerebbe altro scopo che complicare una situazione, quella della sanità nel Lazio, gravata da molti problemi e da una carenza cronica di fondi. Soldi che servono per garantire un’assistenza sanitaria continuativa e di alto livello, che mai come negli ultimi mesi è stata incerta.

Recup Lazio

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento