Cuore: la pompa artificiale Vad di DeBakey

di Redazione 1

Per i pazienti in attesa di un trapianto di cuore, può rappresentare una soluzione temporanea quello artificiale brevettato da DeBakey nel 1998.
Oggi si torna a parlarne per la recente scomparsa del rinomato cardiochirurgo americano.
Effettivamente la pompa di DeBakey è stata progettata proprio per offrire una “soluzione ponte” ai pazienti che necessitano di un cuore nuovo e che sono alle prese con le lunghe liste d’attesa.

Il dispositivo artificiale prende il nome di Vad (ventricular assisted device), pesa 96 grammi ed è grande quanto due batterie stilo.
Il vantaggio del cuore di DeBakey è di essere più leggero dei precedenti dispositivi cardiaci artificiali, il peso è infatti di ben 15 volte inferiore a quelli usati normalmente.
Una curiosità su questa invenzione è che si ispira al sistema di propulsione dello Shuttle.
Il cardiochirurgo ebbe la geniale idea proprio mentre stava conversando con un ingegnere della Nasa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>