Diabete di tipo 1, primo test di pancreas artificiale su pazienti

di Redazione 2

Esito positivo per il primo test di pancreas artificiale su pazienti con diabete di tipo 1. Il dispositivo, una pompa sottocutanea che rilascia insulina, dotata di un chip in grado di monitorare il glucosio e di un software capace di prevederne gli sbalzi, è stato sperimentato con successo su 13 soggetti per 24 ore consecutive. Il nuovo dispositivo ha dimostrato di mantenere il glucosio a livelli ottimali, evitando i classici sbalzi glicemici.

La pompa è stata messa a punto dall’azienda Usa Animas, e i risultati dello studio sono stati presentati in occasione del meeting dell’American Diabets Association a Philadelphia. Come ha spiegato il coordinatore dello studio Aaron Kowalski:

Un pancreas artificiale che non solo registra, ma riesce a prevedere livelli di glucosio troppo alti o troppo bassi regolando automaticamente l’insulina potrebbe alleggerire molto i problemi legati alla malattia.

Dopo lo studio di fattibilità, il nuovo dispositivo per regolare i livelli di glucosio sarà usato in test clinici su più persone con diabete tipo 1, anche detto mellito, una forma di diabete aiutoimmune, per cui il pancreas non riesce a produrre insulina e di conseguenza il glucosio non riesce ad entrare nelle cellule e si accumula nel sangue.

Secondo Bruno Grindelli, direttore scientifico dell’Istituto Mediterraneo per i trapianti (Ismett) di Palermo, le potenzialità di questo innovativo dispositivo potrebbero essere rivoluzionarie. Come ha spiegato l’esperto, infatti, a tutt’oggi il diabete mellito viene curato con la somministrazione di insulina, questo però non permette di prevenire le complicanze a lungo termine, quali insufficienza renale, malattie cardiovascolari e retinopatia.

Inoltre, il diabete di tipo 1 a lungo andare espone i pazienti al rischio di coma a causa dei livelli troppo alti o troppo bassi di glucosio nel sangue. Tra le cure più valide ci sono il trapianto di pancreas o di insule pancreatiche, tuttavia richiedono la somministrazione di farmaci antirigetto che deprimono il sistema immunitario. Un pancreas artificiale, invece, in grado di rispondere alle variazioni della glicemia come farebbe un pancreas umano potrebbe essere una terapia davvero rivoluzionaria.

Photo Credits|Thinkstock

Commenti (2)

  1. HO 33 ANNI, AFFETTA DALL’ETA’ DI 7 ANNI DA DIABETE MELLITO TIPO 1: VORREI SAPERE SE POSSO EFFETTUARE UNA VISITA PER VALUTARE LA POSSIBILITA’ DI UN TRAPIANTO DEL PANCREAS AVENDO SAPUTO TRAMITE INTERNET DI UNA TE

    CNICA ROBOTICA MININVASIVA CHE VIENE EFFETTUATA ALL’OSPEDALE DI PISA DOVE LEI ESERCITA LA PROFESSIONE.

    PRECISO CHE, PER QUANTO I RENI NON HO PROBLEMI. HO AVUTO UNA BAMBINA IL 02/05/2012.

    NEL RINGRAZIARE DELL’ATTENZIONE PORGO CORDIALI SALUTI

    PER EVENTUALI INFO: ELEONORA 3382382206

    1. Gentile Eleonora, questo è un blog, ed il post è scritto da un giornalista e non dal medico a cui fa riferimento…tra l’altro che non trovo citato da nesuna parte. Invece in questo post credo si parli della tecnica da lei descritta.
      http://www.medicinalive.com/medicina-tradizionale/nuove-frontiere/trapianto-pancreas-robot-da-vinci/.
      Non abbiamo contatti diretti con il prof Boggi , ma questo è il sito dell’ospedale Pisano, dove può trovare numeri di telefono, ubicazione precisa, reparti, e di sicuro tutte le indicazioni del caso che vorrà.
      http://www.ao-pisa.toscana.it/
      Cinzia
      nb Visto che il suo messaggio era inviato ad un medico ch probabilmente non lo leggerà, le consiglio di togliere il suo recapito di cellulare, non si sa mai chi potrebbe usarlo. Se ha bisogno di altre info…siamo qui;=)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>