Cancro, un nuovo vaccino riduce le recidive del 90%

di Redazione 5

Uno dei disagi del cancro è che, anche se si riesce a curare in tempo, c’è sempre il rischio che ritorni. In particolare oggi, con la popolazione che continua ad invecchiare, diventa sempre più comune la cosiddetta “recidiva“. Per questo motivo molte ricerche oggi si stanno concentrando proprio sull’evitare che ciò accada, ed in quest’ottica si inserisce il vaccino sviluppato presso la Vaxil Bio Therapeutics e testato nella clinica Hadassah University Medical Center di Gerusalemme, in Israele.

La neoplasia su cui il vaccino è stato testato è un tumore del sangue chiamato mieloma multiplo. Le sperimentazioni finora hanno dato tutte esito positivo, e secondo i ricercatori, se alla fine della fase sperimentale la sua efficacia fosse accertata, potrebbe essere utilizzato per quasi tutti i tumori oggi curabili come quello al seno, alla prostata, e tantissimi altri solidi e non solidi.

Ma come funziona? Normalmente, durante il ciclo di chemioterapia e radioterapia, per distruggere le cellule maligne si colpiscono anche quelle sane, portando ad alcuni degli effetti collaterali conosciuti e ad un sistema immunitario indebolito nel paziente. Il nuovo vaccino della Vaxil permette in un certo senso di “riattivare” il sistema immunitario, il quale rimette in forze il corpo e lo renderebbe sufficientemente resistente alla rinascita del tumore. In questo modo, affermano i ricercatori, si dovrebbero ridurre le recidive del 90%.

Nel cancro, il corpo sa che qualcosa non va per il verso giusto, ma il sistema immunitario non sa come proteggersi contro il tumore, come fa contro un’infezione o un virus. Questo perché le cellule tumorali sono cellule del proprio corpo che non funzionano. Insieme a questo, un malato di cancro ha un sistema immunitario depresso, causato sia dalla malattia che dal trattamento

spiega Julian Levy, direttore finanziario della società. Per questo il loro vaccino si occupa di ristabilire il sistema immunitario. Per far ciò il farmaco allena le cellule-T del sistema immunitario a distinguere il marcatore chiamato MUC1 che identifica le cellule cancerogene. In questo modo riconosce le cellule da attaccare e non crea problemi a quelle sane, riducendo così gli effetti collaterali.

Testato finora su persone malate, il medicinale potrebbe essere presto provato anche su persone sane in via preventiva e, se tutto dovesse andare secondo i piani, potrebbe essere immesso sul mercato entro 6 anni. La speranza è che questa tecnica possa permettere di utilizzare le attuali terapie anche nei casi di tumori molto avanzati per cui oggi c’è poco da fare.

Commenti (5)

  1. interessante ma i pazienti con MM arruolati in quale stadio erano ,e si tratta di pazienti in recidiva/refrattari e cosa vuol dire buoni risultati?

    sono un paziente

  2. salve Antonio, allora per quanto riguarda i “buoni risultati”, significa che le recidive erano molto rare, circa in soltanto un caso su 10. Per lo stadio, non era specificato nella ricerca, ma si presume che fosse uno degli stadi tipici in cui la malattia viene curata con i metodi tradizionali perché questo vaccino non incide tanto nella cura, quanto nell’evitare la recidiva. I pazienti su cui è stato testato, infine, non erano in recidiva, erano comuni malati su cui, insieme alla cura, è stato inoculato il vaccino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>