Anticorpo salva ossa

di Redazione 1

Un anticorpo monoclonale chia­mato denosumab offre nuove speranze contro l’osteoporosi. Ne dà notizia il “New England journal of Medicine“, pubblicando il risultato di un trial su più di 500 donne in menopausa con una densità ossea bassa, che sono state trattate per un anno con l’anticorpo o con uno dei bisfosfonati più usati, l’alendronato. La somministrazione del monoclonale è avvenuta, tramite iniezione sottocute, una volta ogni tre o sei mesi, mentre quella del bifosfonato settimanalmente.

Alla fine la densità ossea dell’anca è risultata, rispettivamente, aumentata dell’1,9, del 3,6 o del 2,1 per cento, quella della colonna lombare del 3, del 6,7 e del 4,6 per cento e quella del polso o del radio (osso del braccio) dello
0,4, dell’1,3, mentre con il bisfosfonato è diminuita dello 0,5 per cento. Insomma il denosumab ha mostrato un’efficacia paragonabile a quella dell’alendronato. Con la differenza che richiede solo una somministrazione trimestrale o semestrale e non comporta le difficoltà digestive tipiche dei bisfosfonati.

Ciò potrebbe migliorare l’adesione alla terapia, molto bassa nel caso dei bisfosfonati (in media tre donne su quattro abbandonano la cura entro un an­no). L’azienda produttrice (Amgen) ha già annunciato di voler procedere con le sperimentazioni di fase III, anche perché l’an­ticorpo per ora non ha mostrato effetti collaterali significativi.

Commenti (1)

  1. Vorrei sapere come posso procurami il farmaco Denosumab,visto che
    tutte le cure tradizionali per l’osteoporosi ( alendronati risendronati ecc. )
    non li posso prendere perchè mi fanno mele ,addirittura dopo alcune dosi.
    Ringrazio anticipatamente chi mi sappia dare questa informazione. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>