Il paracetamolo dei comuni antidolorifici può evitare danni renali dovuti alle lesioni muscolari

di Redazione 1

Le lesioni muscolari gravi, come ad esempio le lesioni subite per uno strappo o una collissione, incidenti d’auto ed esplosioni, fino anche ai danni muscolari da eccessivo esercizio fisico o interazioni con altri farmaci statine, possono essere pericolose peeché in grado di causare danni renali cronici. La terapia è stata limitata a fluidi per via endovenosa e dialisi, ma un nuovo studio suggerisce che il paracetamolo comunemente utilizzato negli antidolorifici può proteggere i reni da eventuali danni.

Un team di ricerca internazionale guidato dai ricercatori del Vanderbilt University Medical Center ha pubblicato la sua relazione sul Proceedings of the National Academy of Sciences, in cui viene spiegato che l’acetaminofene ha impedito danno ossidativo e l’insufficienza renale dopo l’infortunio muscolare in un modello murino. I risultati confermano un’ulteriore indagine degli effetti del farmaco in pazienti con lesioni muscolari gravi.

Questa è una nuova applicazione del paracetamolo. L’idea proveniva da due gruppi di lavoro su diversi studi, che si sono messi insieme per creare qualcosa di nuovo

ha affermato l’autore dello studio, Olivier Boutaud, professore associato di ricerca di Farmacologia. Quando il muscolo scheletrico è danneggiato, si rompe (una condizione chiamata rabdomiolisi) e rilascia il suo contenuto cellulare, compresa le mioglobina, nel flusso sanguigno. Circa 10 anni fa, Roberts L. Jackson II e colleghi hanno dimostrato in un modello murino che i depositi rilasciati di mioglobina nel rene provocano insufficienza renale indotta dal danno ossidativo.

All’incirca nello stesso periodo, Boutaud e John Oates, professore di Medicina e Farmacologia, stavano indagando sulle azioni del paracetamolo. Hanno scoperto che il paracetamolo blocca l’attività di perossidasi in un enzima chiamato cicloossigenasi. Durante le conversazioni informali sui loro studi, i membri delle due squadre si resero conto che la mioglobina nel modello murino di rabdomiolisi aveva una “pseudo-perossidasi” tipo di attività che è stata simile alla perossidasi bloccata dal paracetamolo.

Il paracetamolo, somministrato prima o dopo la lesione nel muscolo scheletrico nel modello di ratto, ha impedito il danno ossidativo ai reni, un miglioramento della funzione renale e una riduzione del danno renale. La concentrazione efficace di paracetamolo nel ratto è abbinata alle normali concentrazioni terapeutiche nell’uomo.

I ricercatori hanno già avviato un trial clinico per provare gli effetti del paracetamolo nei pazienti con emorragia subaracnoidea. L’acetaminofene può evitare danni ai tessuti in altre condizioni che comportano la lisi delle cellule del sangue, come l’anemia falciforme, la malaria, e attacchi di cuore, in cui la lesione del muscolo cardiaco rilascia mioglobina nella circolazione sanguigna.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>