Herpes genitale, 10 domande da porsi e risposte

di Redazione 0

L’herpes genitale è una infezione causata da un virus che può colpire uomini e donne e il cui contagio attraverso rapporto sessuale o contatto diretto delle parti infette. Ecco 10 domande da porsi sull’herpes genitale, utili per difendersi da questo disturbo.

1. Quali sono le cause dell’herpes genitale?

Due sono i virus che possono determinarla. Nella maggior parte dei casi il problema è provocato dal virus HSV2. Solo in casi poco frequenti, l’herpes genitale maschile e femminile può essere causata anche dal virus HSV1 quello che di solito determina l’herpes labiale. E’ bene sapere che candida e herpes zoster non sono né causa né conseguenza di questo tipo di disturbo.

2. Come posso accorgermene?

I sintomi dell’herpes genitale sono piuttosto simili sia negli uomini che nelle donne. Dopo avere contratto il virus, è possibile che nel giro di qualche giorno nelle parti intime facciano capolino piccole vesciche, spesso doloranti e infiammate (quindi di colore rosso acceso) del diametro variabile. Con il passare del tempo le vesciche si trasformeranno in piaghe doloranti (e a volte anche sanguinanti).

3. Posso avere l’herpes genitale e non saperlo?

Assolutamente sì perché non è detto che tutti coloro che contraggono il virus alla fine sviluppino i sintomi sopra indicati. Per cui è possibile che non ci si accorga di essere stati infettati, soprattutto se il virus si rivela asintomatico.

4. Devo avvisare il mio partner del disturbo?

Sì, perché l’herpes genitale è altamente contagiosa. Per correttezza è bene avvertire immediatamente la persona con la quale abbiamo rapporti sessuali e adottare dunque precauzioni utili a mettersi al riparo da tutti i rischi del caso. Tenete presente che l’uso del preservativo non è sufficiente a evitare di contrarre il virus che, come abbiamo detto all’inizio, si trasmette anche semplicemente con il contatto. Per cui, anche il solo toccare alcune parti del corpo del partner colpite da piaghe e/o vesciche è il modo più facile per contrarre l’herpes.

5. Lui/lei ha l’herpes e io no: è possibile?

Può capitare che la persona con la quale abbiamo rapporti sessuali soffra di herpes genitale e noi no. E’ possibile? Sì, per molti motivi. Per esempio, il rapporto sessuale avuto con la persona infetta non ha ancora prodotto conseguenze visibili sul nostro corpo (per cui i sintomi non sono ancora stati palesati); o ancora, è possibile che il rapporto sessuale sia avvenuto tempo prima, quando ancora l’altra persona non aveva contratto il virus. Insomma sono molti i fattori da tenere in considerazione.

6. Posso sapere se ho contratto il virus?

Certo che sì, con un semplice esame del sangue che potrà rilevare la presenza di anticorpi specifici che l’organismo produce solo in presenza del virus. Se gli anticorpi prodotti sono quelli anti HSV-2, molto probabilmente avete contratto l’herpes genitale. Se si tratta invece di anticorpi HSV-1, invece, la gamma di opzioni si allarga: potreste avere contratto l’herpes genitale attraverso rapporti orali, oppure avere una semplice e ben più conosciuta herpes labiale. Anche una attenta perlustrazione delle zone intime può servire per capire se si è stati infettati.

7. Posso fare lo stesso sesso?

Astenersi dai rapporti sessuali è altamente consigliato soprattutto in presenza di sintomui ben visibili (piaghe e vesciche) che, al contatto con altra persona, sono veicolo di trasmissione diretta del virus. Se i sintomi non ci sono, ma si è comunque infetti, l’uso del preservativo può senza dubbio ridurre il rischio di contagio ma non al 100%.

8. Come posso curare l’herpes genitale?

Così come per l’herpes labiale, anche chi contrae questo virus sarà sempre a rischio di ricadute, nei momenti per esempio di maggiore stress, quando le difese immunitarie sono più basse. La cura dell’herpes genitale però può avvenire attraverso l’uso di farmaci antivirali prescritti dal medico che aiutano a ridurre sintomi e rischi di ricadute. La terapia deve essere necessariamente dettata da un esperto.

9. Cosa fare per prevenirla?

E’ questa una delle domande che molti si pongono e che prevede risposta ben precisa. L’astinenza dal sesso è l’unico modo certo per evitare questo disturbo. Non avere rapporti con persone infette è un altro buon metodo per ridurre di gran lunga i rischi. L’uso del preservativo alle volte può non essere sufficiente anche se va detto che abbassa le possibilità di essere infettati.

10. Si muore di herpes genitale?

Di per sé questo disturbo non provoca morte ma aumenta i rischi di contrarre infezioni ben più gravi. Le piaghe aperte, per esempio, rendono più facile contrarre altri tipi di virus, per esempio HIV. E’ bene sapere poi che la donna incinta cgìhe soffre di herpers genitale può trasmettere l’infezione al bambino non ancora nato.

Ti potrebbe interessare anche:

HERPES GENITALE, IL MIGLIOR MODO PER PREVENIRLO È L’USO CONTINUATO DEL PROFILATTICO

HERPES GENITALE, LE TERAPIE NON BASTANO A PREVENIRE LE “RICADUTE”

Photo Credits | Aysezgicmeli / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>