Contro la depressione provate con i…nipotini!

di Redazione 1

In quanti modi è possibile combattere la depressione? Ne abbiamo sentite tante, dai farmaci, alla cromoterapia, dallo yoga al volontariato agli hobbies più disparati. Eppure uno dei modi più naturali per sconfiggere il male oscuro che fa sprofondare in un baratro di apatia è anche uno di quelli più palesi, che spesso ci ritroviamo davanti agli occhi, ovvero una vita sociale soddisfacente che ci faccia sentire d’aiuto, indispensabili a qualcuno.

La depressione, soprattutto nelle persone anziane, deriva dal senso di inutilità e da quell’isolamento dal mondo che rende vano ogni gesto, ogni sforzo per rientrare in contatto con la realtà. Spesso questa monotonia dell’animo può venire interrotta dalla nascita di un nipotino, una gioia talmente grande da scuotere e risvegliare alla vita le persone entrate nella terza età.


Chi ha osservato il cambiamento che si verifica negli anziani quando diventano nonni, sa di cosa stiamo parlando. Una nuova luce che illumina un percorso altrimenti piatto e spento arriva ad allietare le ore prima solitarie, un bisogno di insegnare, di trasmettere e di proteggere che è più forte addirittura dell’amore dei genitori verso un figlio.

Ma cosa c’è dietro a questo improvviso cambiamento di umore e stato d’animo? Gli studiosi della USC Davis School of Gerontology hanno cercato di capirlo, analizzando il comportamento degli anziani cinesi affetti da sindromi depressive a contatto con i nipotini.
L’analisi di Zhen Cong ha rilevato come ci siano due diverse e opposte condizioni che possono scatenare o alleviare la depressione.

Nel caso in cui gli anziani dipendano economicamente dai figli, la depressione aumenta, dovuta soprattutto al fatto di sentirsi un peso per il nucleo familiare.
Al contrario, sostenere e prendersi cura anche economicamente dei nipoti, aiuta a sentirsi indispensabili e a trovare un senso alla propria esistenza, desiderando molto spesso di vivere più a lungo proprio per continuare a dare una mano alla nuova generazione.

Questa sensazione di utilità era più marcata soprattutto nelle zone rurali cinesi, in cui spesso si trae sostentamento per famiglie anche molto numerose proprio dai fondi dei più anziani della famiglia.
La ricerca, pubblicata sul Journal of Marriage and Family, sembra aprire nuove soluzioni tutte al naturale per sconfiggere la depressione. Piuttosto che prendere farmaci o collezionare tappi di bottiglie, è molto più semplice e consigliabile trascorrere qualche ora in compagnia dei nipotini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>