Home » MEDICINA DELLA MENTE » Psicologia » La depressione più causare più morti del fumo

La depressione più causare più morti del fumo

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Bergen, in Norvegia, e dall’Istituto di Psichiatria (IOP) al King’s College di Londra, hanno scoperto che la depressione è un fattore di rischio per la mortalità molto più del fumo. Utilizzando un collegamento univoco tra un sondaggio su oltre 60.000 persone e un database completo sulla mortalità, i ricercatori hanno trovato che nel corso dei quattro anni successivi all’indagine, il rischio di mortalità è aumentato in misura simile in persone che erano depresse allo stesso modo delle persone che fumavano.

Il dr. Robert Stewart, che ha guidato il team di ricerca presso l’IoP, spiega che le possibili ragioni che possono essere alla base di tali risultati sono sorprendenti:

A differenza del fumo, non sappiamo quanto sia causale l’associazione con la depressione, ma suggerisce che maggiore attenzione dovrebbe essere prestata a questo collegamento, perché l’associazione portata avanti influenza molti altri fattori.

Lo studio mostra anche che i pazienti con depressione affrontano un rischio globale maggiore di mortalità, mentre una combinazione di depressione e ansia nei pazienti riduce la mortalità in confronto con la sola depressione. Il dr Stewart, spiega:

Uno dei principali messaggi da questa ricerca è che un po’ d’ansia può fare bene. Sembra che stiamo parlando di due gruppi a rischio qui. Le persone con livelli molto alti di sintomi di ansia possono essere naturalmente più vulnerabili a causa dello stress, ad esempio sugli effetti cardiovascolari. D’altra parte, le persone con punteggio molto basso sulle misure di ansia, vale a dire coloro che negano qualsiasi sintomo, possono essere anche persone che non tendono a chiedere un aiuto per le condizioni fisiche, oppure possono essere persone che tendono ad assumere rischi. Questo spiegherebbe il tasso di mortalità superiore.

In termini di rapporto tra la mortalità e l’ansia con la depressione come un fattore di rischio, la ricerca suggerisce che la richiesta di aiuto potrebbe spiegare il motivo dei risultati. Le persone affette da depressione non possono chiedere aiuto o non possono riuscire a ricevere aiuto quando lo cercano, mentre il contrario può essere vero per le persone con ansia.

I ricercatori sottolineano che i risultati dovrebbero essere considerati in relazione con le altre prove che suggeriscono una varietà di esiti avversi sulla salute fisica e cattive condizioni di salute associati a disturbi mentali come la depressione e disturbi psicotici. Alla luce dei risultati, il dottor Stewart offre suggerimenti sull’attenzione dei futuri sviluppi nella terapia della depressione e dell’ansia:

la salute fisica delle persone con attuali o precedenti disturbi mentali ha bisogno di attenzione molto di più di quello che avviene in questo momento. Questo vale per l’assistenza primaria, secondaria di assistenza psichiatrica e di cure ospedaliere generali, nel senso che ci dovrebbero essere più screening per le patologie fisiche e fattori di rischio, quali la pressione arteriosa, il colesterolo, dieta sbagliata, fumo, mancanza di esercizio fisico, nelle persone con disturbi mentali. Questo dovrebbe essere aggiunto ad un trattamento più attivo dei disturbi, quando presenti, e di più efficace promozione della salute generale.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento