Gli esercizi mentali ritardano la demenza senile

di Redazione 1

Le attività che mantengono attivo il cervello, come la lettura, la scrittura e i giochi di carte, secondo uno studio americano, possono ritardare il declino della memoria che poi sfocia nella demenza. La demenza è una diminuzione della capacità mentale, soprattutto della memoria e del funzionamento cerebrale, che possono essere causati da determinate malattie, come il morbo di Alzheimer e di Parkinson, nonché ictus e infezioni al cervello.

Mentre malattie genetiche sono sospettate di svolgere un ruolo importante nella demenza, un numero sempre maggiore di studi dimostra che lo stile di vita potrebbe influenzare anche la gravità dei problemi. Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Neurology, ha coinvolto 488 persone in età tra i 75 e gli 85 anni, che non avevano demenza all’inizio dello studio. Essi sono stati seguiti per una media di cinque anni; durante tale periodo, 101 persone hanno sviluppato demenza.

All’inizio dello studio, le persone segnalavano che spesso partecipavano ad attività di svago che coinvolgevano il cervello: leggere, scrivere, fare cruciverba, giocare a carte o a giochi da tavolo, fare discussioni di gruppo, e suonare/ascoltare musica.

Per ogni attività, la partecipazione giornaliera veniva valutata con sette punti, alcuni giorni a settimana con quattro punti, una volta a settimana con un punto solo. Chi riceveva il punteggio medio di sette punti erano quelli che sviluppavano la demenza più tardi. I ricercatori hanno poi esaminato il punto in cui è aumentata la perdita di memoria, ed hanno scoperto che per ogni ulteriore attività a cui si partecipava, questa veniva ritardata di circa 9 settimane.

Il punto di accelerazione del declino è stato ritardato di 1,29 anni per la persona che ha partecipato ad 11 attività a settimana, rispetto alla persona che ha partecipato solo a quattro attività a settimana

ha spiegato l’autore dello studio Charles B. Hall dell’Albert Einstein College of Medicine nel Bronx, NY. Altri aspetti dello stile di vita di una persona che sono stati legati ad un minor numero di problemi di memoria e demenza, oltre al morbo di Alzheimer e al declino cognitivo normale da invecchiamento sono:

  • Gestione dello stress senza diventare ansiosi;
  • L’esercizio fisico perché migliora il flusso di sangue al cervello;
  • Ricerche su internet perché mantengono il cervello attivo e possono megliorare la lettura.

[Fonte: Livescience]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>