Estrogeni: esisteva un piano per trasformare Hitler in donna

di Valentina Cervelli 4

Il periodo della seconda guerra mondiale, sebbene sia stato un periodo decisamente triste per le barbarie perpetrate da Adolf Hilter e dai suoi uomini è senza dubbio considerabile come un lasso di tempo nel quale ricerca e scienza hanno viaggiato a velocità quasi supersonica, anche a discapito di molte vite innocenti. Ed è in questo quadro che deve essere inserito il tentativo di eliminazione del fuhrer attraverso l’utilizzo di estrogeni.

Ovviamente non parliamo di una eliminazione fisica dell’uomo che sappiamo non è avvenuta e che non può avvenire con la somministrazione di  questo ormone, ma di una sorta di trasformazione che si voleva far scattare nel despota tedesco per renderlo innocuo:  il suo cambiamento… in una donna. Gli alleati infatti, dopo aver verificato l’inefficienza dei normali attentati ai danni dell’uomo, perpetrati spesso anche da persone a lui vicine, avevano deciso di affrontare la cosa dal punto di vista medico.

A renderlo noto ci ha pensato  Brian Ford, professore presso l’università di Cardiff e studioso del periodo. L’  “operazione estrogeno” puntava a “femminizzare” il fuhrer dall’interno, grazie alla capacità di questa sostanza, a livello sintetico, di essere inodore ed insapore e quindi facilmente assimilabile a livello alimentare.

Gli estrogeni infatti sono degli ormoni femminili steroidei prodotti in quantità molto alta nelle donne e decisamente poco “sviluppati” come produzione dai testicoli maschili. Essi vengono solitamente assunti dagli uomini che intendono cambiare sesso e non solo danno il via allo sviluppo mammario ed all’ammorbidimento “somatico” di una persona di sesso maschile, ma ne abbattono l’aggressività, funzionando come una sorta di barriera, di antagonista naturale contro il testosterone.

Sarebbero stati quindi, secondo i piani degli alleati, gli estrogeni i principali fautori di una possibile fine “leggera” del dittatore: si puntava infatti a renderlo molto simile alla sorella Paula, di animo decisamente più docile rispetto al più irruento fratello.

Articoli Correlati:

Estrogeni: i rischi in menopausa

 

Estrogeni: proteggono dal tumore allo stomaco

 

Fonte: Mirror.co.uk

Commenti (4)

  1. “…decisamente più docile rispetto al più irruento fratello”

    Irruento mi sembra un termine limitante .Come quando al TG dicono “malviventi” riferendosi a bande di assassini.

  2. @ nico:
    In effetti avrei gradito utilizzare termini più specifici, ma non sarebbero state pertinenti in tale contesto. Purtroppo su alcuni temi vi è la necessità di mediare tra ciò che si pensa e si vorrebbe scrivere, e quello che si scrive effettivamente. Mi sono dovuta “ammorbidire” sul termine. 🙂

  3. Ci sono molti modi per descrivere tale personaggio che ha ucciso milioni di persone.
    A mio avviso attribuirgli il temine che si merita non è legato “a quello che si pensa” ma a ciò che la storia ha dimostrato (su di lui e su altri) , ovvero che si è trattato di un dittatore criminale.
    Personalmente non avrei usato il temine “irruento”…non è bello nei confronti di chi ha patito sotto questo pazzo criminale .

  4. Mi trovo totalmente daccordo con il Signor Nico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>