Vaccino Tat contro l’AIDS, funziona

Il vaccino Tat contro l’AIDS funziona. A confermarlo i risultati di uno studio di follow-up durato 8 anni, appena pubblicato sulla rivista open access “Frontiers in Immunology”. In particolare la somministrazione di questo vaccino (che non ha però una funzione preventiva, ma curativa) in pazienti in corso di terapia antiretrovirale (cART) è stata in grado di ridurre la quantità di virus latente in circolo nell’organismo.

Aids, 6mila italiani sieropositivi senza saperlo: allarme dell’Iss

L’Istituto Superiore della Sanità (Iss) lancia un nuovo allarme: in Italia sarebbero 6mila le persone colpite da virus Hiv senza saperlo. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Eurosurveillance ed è riferito al periodo 2012-2014. Secondo i dati emersi, il 40% dei circa 15mila casi di sieropositivi  sono inconsapevoli. Tra questi, l’82,8% sono maschi che hanno contratto il virus per via sessuale.

Hiv, una foto vale più di 1000 parole

Una foto per sconfiggere tutti i pregiudizi che ci sono sulle persone sieropositive che molto spesso vengono viste come potenzialmente pericolose. Andrew Pulsipher ha deciso di pubblicare sul suo profilo Facebook una foto nella quale posa con la moglie e i tre figlioletti. Lui sieropositivo, loro per fortuna no.

Non sai cos’è l’Hiv, campagna Lila contro Aids: DISEGNI

L’Aids è una malattia che in troppi ancora non conoscono, soprattutto tra i giovanissimi che molto spesso non sanno quali sono i rischi concreti a cui si può andare incontro contraendo il virus dell’Hiv dopo un rapporto sessuale non protetto. Ecco allora che la Lila, Lega Italiana per la lotta contro l’Aids con la collaborazione dell’Università di Bologna, promuove una interessante campagna promozionale che si chiama Non sai cos’è l’Hiv? Ti faccio un disegno e che, attraverso dei fumetti, spiega e illustra alcuni punti fondamentali che tutti dovrebbero conoscere per proteggersi da questo virus.

Oscar 2014, i film stimolano l’incoscio?

I film stimolano l’inconscio? Sembrerebbe di si. Nel fine settimana avranno luogo gli Oscar 2014, quegli Academy Awards la cui statuetta è ambita da tutti in ambito cinematografico. Vi siete resi conto di come medicina e cinema siano fortemente collegati? Di come il tema “medico” sia da sempre parte integrante degli interessi di autori e registi?

Questionario interattivo su Hiv e Aids di LILA

LILA, la Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids, in collaborazione con il dipartimento di psicologia dell’Università di Bologna, ha redatto un questionario interattivo online per testare il proprio livello di conoscenza sui temi dell’Hiv e Aids, sulla trasmissione del virus, i comportamenti rischiosi, il sesso più sicuro, le terapie e la prevenzione.

Malati di AIDS vivono più a lungo in Italia

Nell’ambito del Congresso nazionale sull’AIDS, che si tiene in questi giorni a Torino, è emerso un primato tutto italiano sulla cura con gli antiretrovirali. Secondo uno studio internazionale presentato al CROI (Conference on Retrovirusis and Opportunistic Infections) di Atlanta, infatti, l’aspettativa di vita in Italia per un paziente con Hiv, regolarmente in terapia, è la più alta rispetto al resto del mondo.

Un bonsai per la ricerca contro l’AIDS dal 29 al 31 marzo

Dal 29 al 31 marzo 2013 tornano in piazza i bonsai della lotta all’Aids, evento promosso da ANLAIDS Onlus, l’Associazione Nazionale per la lotta all’Aids, per sensibilizzare gli italiani sulla necessità della prevenzione e sulla solidarietà con le persone che convivono con il virus. Saranno allestiti circa 3 mila banchetti in piazze, supermercati, ospedali e da quest’anno per la prima volta i bonsai saranno presenti anche in diversi ristoranti su tutto il territorio nazionale.

Cura per l’aids dalle api?

Una cura per l’HIV dalle Api? Possibile che questi piccoli, instancabili insetti possano aiutare a sconfiggere l’aids, una delle malattie che più hanno messo in pericolo la salute dell’essere umano nell’ultimo secolo? E’ ciò che sostiene uno studio condotto dai ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis.

Hiv, altera la capacità di riconoscere le emozioni altrui

 

 

Sembra che i pazienti con Hiv abbiano difficoltà a cogliere le emozioni sul volto degli altri. A rivelarlo, uno studio condotto da un team di ricercatori dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, pubblicata sulla rivista BMC Psychology. Secondo gli esperti questi problemi sono da addebitare ai deficit neurocognitivi cui spesso le persone sieropositive vanno incontro.

Aids, diminuiscono i contagi e le morti

Oggi sono circa 34 milioni le persone che convivono con l’Hiv, ma sul fronte della lotta all’Aids s’inizia a intravvedere la parola fine. Secondo l’Unaids, l’organizzazione delle Nazioni Unite che monitora l’evoluzione del virus Hiv nel mondo, i casi di contagio sono diminuiti del 25% in 10 anni (da 2.4 milioni nel 2001 a 1,8 milioni nel 2011), mentre il numero dei morti è sceso del 32% dal 2005 al 2011 (da 1,8 milioni a 1, 2 milioni). Il dato generale, dunque, è positivo e mostra che l’infezione da Hiv è in lento declino, merito soprattutto di un miglior accesso ai farmaci, utili sia per il trattamento sia per la prevenzione del virus dell’Hiv (che porta alla malattia dell’Aids).

HIV, italiani scoprono impronta genetica del virus

E’ come un marchio, un avviso che dice “sono passato di qui”. E’ ciò che hanno scoperto un gruppo di ricercatori italiani sul funzionamento del virus dell’HIV, quello responsabile dell’epidemia di AIDS. Si tratterebbe di un modo che il virus ha di lasciare il segno sugli organismi che sono venuti in contatto con lui, anche se non sono infetti. Vien da sé che comprendendo un tassello in più del modo di “comportarsi” del virus, si possono aprire nuove strade per la terapia.