Jo, la donna che non ha mai provato dolore

Potrebbe sembrare impossibile e invece a quanto pare è vero: c’è una donna al mondo che non ha mai provato dolore, di nessun genere. Si chiama Jo, ha 65 anni, e vive serena e felice in Scozia.

Dolore, donne più forti degli uomini

Donne più forti degli uomini rispetto al dolore che sarebbero in grado di affrontare dimenticandosi poi più in fretta il ricordo. E’ uno studio canadese della McGill University e dell’Università di Toronto che è stato pubblicato su Current Biology a sottolineare la differenza di reazioni tra uomini e donne.

Fibromialgia, nuova cura con l’ossigeno

Una nuova cura a base di ossigeno contro la fibromialgia. E’ questo l’approccio terapeutico messo a punto e perfezionato dagli scienziati dell’Università di Tel Aviv, in collaborazione con una squadra di ricercatori americani, e più nello specifico appartenenti alla Rice University.

 

Bambini malati gravi, favole e poesie all’ospedale di Monza

Poesie e favole in aiuto dei bambini malati gravi, per alleviare il loro dolore e farli sentire meno soli: è questo il Progetto Emanuela, dedicato al ricordo di una bambina malata di leucemia, promosso dal reparto di Oncoematologia Pediatrica e da quello di Ematologia (adulti) dell’ospedale San Gerardo di Monza dove poeti, scrittori e volontari spenderanno il loro tempo insieme ai bambini malati di tumori, leucemie e patologie ematologiche e immunologiche.

Nuovo farmaco antidolorifico dal peperoncino

Il peperoncino come base di un nuovo farmaco antidolorifico? E’ questo quello che il prof. Laykea Tafesse ed i suoi colleghi pensano di essere in grado di ottenere e lo hanno dimostrato attraverso i risultati di uno studio pubblicato sulla rivista di settore Journal of Medicinal Chemistry.

La morfina favorisce la crescita dei tumori

La morfina, comunemente utilizzata per alleviare il dolore, può accelerare la crescita del cancro, ma un farmaco appena approvato che blocca gli effetti collaterali potrebbe anche mantenere la diffusione dei tumori stabile. Ad affermarlo sono stati dei ricercatori americani nella giornata di ieri.

Il Progenics Pharmaceuticals Inc drug Relistor, che viene utilizzato per trattare la costipazione causata dagli antidolorifici come la morfina, sembra invertire alcuni degli effetti che causano il tumore nei topi e nelle cellule del cancro al polmone.

E’ una scoperta sorprendente, davvero. Questo farmaco potrebbe effettivamente inibire la progressione del tumore del polmone

ha affermato Patrick Singleton della University of Chicago Medical Center, che ha presentato i risultati di due studi in una riunione a Boston.

Pensa a cose belle, non sentirai dolore

Paura degli aghi? Potresti non averne più d’ora in avanti. Gli scienziati hanno scoperto che se ci si concentra su una bella immagine, questo potrebbe alleviare il bruciore di un’iniezione. Secondo un nuovo effettuato presso l’Université de Montréal e pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), le emozioni negative e positive hanno un impatto diretto sul dolore. Il che significa che, concentrandosi su qualcosa di positivo si può cambiare l’esperienza del dolore.

Emozioni o stato d’animo possono alterare il modo in cui reagiamo al dolore in quanto possono essere collegate. I nostri test hanno rivelato quando il dolore viene percepito dal nostro cervello e come il dolore può essere amplificato quando combinato con le emozioni negative.

afferma l’autore Mathieu Roy. Allo studio hanno preso parte, 13 soggetti che sono stati reclutati per subire una piccola ma dolorosa scossa elettrica, la quale ha provocato reazioni impulsive controllate della colonna vertebrale che possono essere misurate.