Bere troppo poco e disturbi urinari, che fare?

Quanta acqua bere ogni giorno? Gli esperti consigliano dal litro e mezzo ai due, ma molto dipende dallo stile di vita e dall’ambiente che ci circonda (d’estate fa più caldo ed occorre bere di più). Ma cosa capita se non si riesce a bere? Soprattutto come ovviare a questo problema? E’ il tema del nostro Consulto online su Medicinalive.

 

Quanta acqua bisogna bere ogni giorno?

Bere acqua fa bene, fa dimagrire, rende la pelle più elastica, disintossica, evita la disidratazione, eccetera. Quante ne abbiamo sentite su questo argomento? E sono tutte innegabili verità. Il problema però è comprendere quanta acqua bere ogni giorno onde evitare sovraccarichi inutili quanto pericolosi per i reni. La risposta è semplice ma non univoca. Cerchiamo di comprenderla insieme.

Binge drinking, ubriacarsi provoca infarto ed ictus

Viene definito binge drinking, il bere per ubriacarsi, quell’esagerazione voluta e consapevole con le bevande superalcoliche fino a raggiungere lo stordimento.
Se inizialmente questa pratica identificava l’atto di bere smisuratamente qualche giorno di fila fino ad intossicarsi e tralasciando le attività quotidiane, oggi identifica purtroppo un fenomeno molto più vasto, che coinvolge tanti giovani e adolescenti che scelgono di sballarsi con l’alcol.

Secondo il National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism (NIAAA), la soglia per il binge drinking è fissata in cinque o più bevande superalcoliche per gli uomini, in quattro o più drink per le donne, nel lasso di tempo di due ore. Questa pratica, molto diffusa soprattutto nei week-end e durante le festività, in cui molte persone escono con il deciso proposito di ubriacarsi, è deleteria per l’organismo, soprattutto per la salute del cuore.

Più il volume è alto, più bevi!

I locali in cui bere qualcosa in compagnia e ascoltare musica sono numerosissimi, sia in città che in provincia pullula di discopub, music bar ma anche normalissimi pub che offrono un sottofondo musicale di accompagnamento alla cena o alla chiacchierata tra amici.
Non sempre però il volume della musica si mantiene nei livelli ottimali per garantire una conversazione che non sia uno sgradevole urlare per coprire il frastuono.

D’altra parte, sorvolando sui danni di suoni troppo intensi per l’udito e sulla difficoltà di intavolare un dialogo che sovrasti le note, altri effetti negativi della musica troppo alta sono quelli che vanno ad intaccare allo stesso tempo il nostro portafoglio e la nostra salute.
Ricercatori francesi hanno dimostrato l’esistenza di una relazione tra il consumo di bevande alcoliche e il volume alto della musica nei bar.