Le cattive abitudini tagliano la vita di 12 anni

Un “quartetto killer” di comportamenti malsani quali il fumo, alcool, cattiva alimentazione e inattività, può ridurre la vita media di 12 anni, ma cambiare il proprio stile di vita può contribuire ad arginare il danno, hanno scoperto dei ricercatori norvegesi.

Le persone che hanno tutte e quattro queste cattive abitudini ad alto rischio hanno registrato un tasso di mortalità triplo per cancro e malattie cardiache, e quadruplo per altre cause, rispetto alle persone che invece non avevano nessuno di quei comportamenti, si illustra in una ricerca pubblicata su Archives of Internal Medicine.

Ai fini dello studio,  i ricercatori hanno osservato i dati su 4.886 persone di 18 anni nel 1984 e nel 1985, e assegnato lori un punteggio sul comportamento che li riguardava in base ai comportamenti negativi di ognuno: da un punteggio di quattro per chi aveva tutti e quattro i comportamenti non salutari, a zero per le persone che non ne avevano nessuno. In sostanza, maggiore è il punteggio, minore è la durata media della vita, secondo gli autori.