Calcio femminile ovvero come dimagrire divertendosi

Calcio femminile ovvero come dimagrire divertendosi. E’ il sogno di ogni donna: perdere peso senza fatica e dai risultati di una recente ricerca pare proprio che una partita di calcio in cui ci sia sana competizione dia benefici immensi alla linea del gentil sesso. E non è tutto: le donne che abitualmente giocano a calcio sono più altamente motivate a raggiungere i loro obiettivi con accanimento e grinta e vedono aumentare altresì la loro capacità di apprendimento, nonchè l’abilità nel relazionarsi con gli altri e nell’affrontare nuove esperienze.

Per un periodo di due anni, Peter Krustrup, professore associato all’Università di Copenhagen, ha studiato gli aspetti fisiologici, sociologici e psicologici del calcio femminile paragonandoli a quelli della corsa. Un campione di cento donne sane ma non abituate all’esercizio fisico ha partecipato alla sperimentazione ed è stato diviso in tre gruppi: un gruppo che avrebbe giocato a calcio; un altro che avrebbe corso; e un gruppo che non avrebbe effettuato alcun tipo di attività sportiva.

Fat burning lip balm, il lucidalabbra dimagrante

Fat burning lip balm, la novità o la bufala dell’anno? Propendiamo per la seconda, dubitando fortemente che un lucidalabbra possa aiutare a smaltire i chili di troppo, senza una dieta ipocalorica e un’attività fisica costante. E che non si tratti di un prodotto affidabile ne sono convinti anche in America, dove viene realizzato il gloss brucia-grassi. Creato dal dottor Allan Kurtz da un marchio con sede a Los Angeles, la Pacific Shore Holdings, il lip-stick dovrebbe rispondere alle esigenze di migliaia di donne che prese dagli attacchi della fame sarebbero indotte a desistere dal trangugiare l’intero frigo grazie alla presenza di due componenti fondamentali contenute nel gloss: il tè verde e l’estratto di Hoodia.

I responsabili del lucidalabbra promettono risultati a dir poco miracolosi: passare sulle labbra il loro gloss terrà a freno l’appetito e aumenterà il consumo di energia, bruciando i grassi e smaltendo più in fretta i carboidrati. Subito nella bufera i produttori, accusati di giocare sulle insicurezze delle donne per ottenere facili guadagni.

Cioccolato e nuoto, la ricetta vincente per vivere a lungo e dimagrire

Ebbene sì, cioccolofili di tutta Italia, la golosa barretta di fondente ed extrafondente nero continua a far parlare di sè e dei suoi immensi benefici per la salute. Ovviamente, anche in questo caso, è la moderazione a farla da padrone. Senza esagerare nel suo consumo, pare che il cioccolato aiuti a dimagrire e a vivere più a lungo. Associato ad un’attività fisica regolare e costante, per esempio ad una disciplina come il nuoto, lo sport più completo e che più fa bene al nostro organismo per mantenerci sani ed in forma.

A studiare l’elisir di lunga vita, dato proprio dalla combinazione di questi due fattori, nuoto e cioccolato amaro, sono stati due studi separati. Il primo riguarda in particolar modo il gentil sesso ed è stato condotto dai ricercatori della Queen Margaret University, intenti a rendere migliore la vita di un campione di donne tra i venti ed i sessant’anni d’età, in sovrappeso, proprio utilizzando lo squisito oro nero.

A dieta nel 2009 per smaltire i chili del 2008, qualche consiglio pratico

Finite le feste, tra pacchetti scartati e avanzi di cibo per settimane, un altro regalo, meno gradito, è l’ultimo lascito del 2008: qualche etto in più da eliminare.  La Coldiretti ha stimato in due chili il peso in più accumulato dagli italiani più golosi durante le feste, tra Natale e Capodanno.

Per chi ha molti più chili da perdere, occorre certamente rivolgersi ad un dietologo affidabile, senza prestare attenzione alle diete che si trovano on-line e ai consigli fai-da-te. Spesso i consigli dei non professionisti fanno sì perdere peso in fretta e dimagrire subito, ma a discapito della propria salute e, soprattutto, facendoli riacquistare altrettanto in fretta, non appena si ricomincia a mangiare come d’abitudine. Per chi deve soltanto eliminare la pancetta e i grassi accumulati durante le feste, l’ideale è di disintossicarsi seguendo una dieta ricca di frutta e verdura.

Come sopravvivere alle abbuffate natalizie mantenendo la stessa taglia

Pranzi interminabili, cene che si protraggono fino a tarda notte, visite da parenti ed amici che ci offrono dolci e liquori a ripetizione: se il nostro palato festeggia, con l’arrivo delle festività natalizie, è la nostra linea a piangere, con il rischio di ritrovarsi ad iniziare il nuovo anno dovendo rifare l’intero guardaroba, e non entrando più nei nostri jeans.

Ma esiste qualche piccolo accorgimento che può salvare sia il piacere di stare insieme a tavola senza troppe rinunce sia la nostra silhouette. A suggerirci i trucchi per sopravvivere alle abbuffate natalizie mantendo la stessa taglia, è Juliette Kellow, dietologa americana, che collabora con il Daily Mirror. Innanzitutto, quando è il nostro turno di preparare cene per parenti ed amici, possiamo scegliere di cucinare sano, seguendo gli stessi criteri salutisti che adottiamo durante il resto dell’anno, senza trincerarci dietro alle classiche scuse che “tanto è Natale“.

Attenti alla dieta Atkins, senza i carboidrati la memoria è a rischio

Dimagrire subito, il sogno di ogni donna con qualche o troppi chili in più. Spesso per perdere peso in fretta si sceglie di seguire una dieta dimagrante povera di carboidrati, rinunciando alla pasta e al pane, alimenti portanti dell’alimentazione mediterranea. Ebbene, a ridurre drasticamente o ad eliminare del tutto i carboidrati dalla dieta il rischio è di mettere in pericolo la memoria. E’ quanto accertato da una recente ricerca condotta da un team di scienziati della Tufts University di Boston, pubblicata sulla rivista Appetite.

A quanto pare le capacità di memorizzazione e la facoltà di concentrarsi diminuiscono drasticamente se vengono a mancare all’organismo i carboidrati. Viene così a crollare un regime alimentare portante per chi vuole perdere peso, quello di una tra le diete dimagranti più seguite, la Atkins, che vieta l’assunzione di farina, zucchero e patate, per prediligere proteine e grassi.

Dieta del denaro, come dimagrire subito con gli incentivi perdi-peso

Dimagrire subito e allo stesso tempo uscire dalla crisi economica? Un sogno forse non del tutto irrealizzabile. Partiamo dal presupposto che consumiamo meno, questo è un dato di fatto, e i soldi vengono ad essere ridotti soprattutto per quello che riguarda la spesa alimentare, riducendone ahimè non la quantità, ma la qualità. Risultato? Frigo stracolmi di cibi spazzatura che contribuiscono ad alimentare l’antiestetica ciccia sui fianchi, portandoci ad ingrassare in breve tempo.

E se avessimo più soldi a disposizione li investiremmo nell’acquisto di cibi biologici e sani, evitando soprattutto i menù ipercalorici dei fast-food? Probabilmente si. E se ci pagassero proprio per dimagrire cosa accadrebbe? La risposta arriva da una recente ricerca, pubblicata sulla rivista di divulgazione scientifica Journal of the American Medical Association, realizzata da un gruppo di ricercatori della University of Pennsylvania School of Medicine, guidati da Kevin G. Volpp.