Nuova influenza suina proveniente dalla Cina?

Nuova influenza suina proveniente dalla Cina? E’ ancora presto per lasciarsi andare ad allarmismi, ma gli esperti orientali stanno tenendo sotto osservazione un ceppo di influenza verosimilmente pronto a fare il salto di specie verso gli umani.

Influenza, donna incinta morta a Napoli. Forse per H1N1

Una donna di 33 anni al quinto mese di gravidanza, originaria di Caserta, è morta mentre veniva trasportata in ospedale in eliambulanza a Napoli. Si sospetta che la causa del decesso possa essere correlata all’influenza, nel suo ceppo H1N1.

Influenza, dal virus A/H1N1 vaccino universale?

L’influenza  A (ceppo H1N1) dota le persone infettate di una sorta di “super immunità” una volta guarite. Da questo punto è  possibile partire per mettere a punto un vaccino antinfluenzale universale .

Lo sostengono i ricercatori Rafi Ahmed della Emory University e Patrick Wilson dell’Università di Chicago.

Influenza: isolati primi due virus stagionali

Influenza:  sono stati isolati i primi due virus influenzali della stagione. La notizia è stata diffusa dallo stesso Ministero della Salute.

Entrando nei particolari, un caso è stato individuato presso l’Università di Milano: riguarda un virus di tipo A, sottotipo H1N1v che ha colpito una donna di 37 anni che non si era sottoposta a vaccinazione; il secondo caso è stato invece segnalato dall’Università di Perugia. Anche qui si parla di Influenza A, benché non sia stato identificato il sottotipo.

Influenza suina: nel 1976 un inutile vaccino fece ammalare 500 persone

Come molti sapranno, il virus dell’influenza A non è una novità, ma già era stato individuato parecchi decenni fa. Quello che invece non sa nessuno è che una vasta campagna di vaccinazione era stata avviata già nel 1976, su decisione del Governo degli Stati Uniti, e riguardava 43 milioni di persone. Essa però si è rivelata controproducente.

Non solo la temuta epidemia non si è mai materializzata in quelle zone (a parte dei casi leggeri su 240 soldati di stanza a Fort Dix, NJ), ma circa 500 americani che avevano fatto il vaccino rilevarono una rara condizione neurodegenerativa chiamata sindrome di Guillain-Barré, che molti esperti ritennero legata proprio all’assunzione del medicinale. Venticinque di queste 500 persone sono morte. Ora i funzionari del Ministero della salute degli Stati Uniti stanno prendendo in considerazione una riduzione della campagna di vaccinazione che potrebbe comportare 600 milioni di dosi di vaccino per l’H1N1 che attualmente sembrano indispensabili contro l’influenza suina.