5 benefici del latte d’avena

Ecco i 5 benefici del latte d’avena. Il suo consumo è esponenzialmente cresciuto negli ultimi anni perché considerato un’alternativa più salutare e vegana al classico latte vaccino. Scopriamo insieme quali siano gli effetti positivi dello stesso sul nostro organismo.

Diabete, latte intero protegge dal rischio?

Si potrebbe allontanare il rischio del diabete con il consumo di latte intero. Quella sulla tipologia più adatta di questo alimento da consumare è una battaglia che va avanti da anni: di solito nelle diete viene inserito il latte parzialmente scremato o quello microfiltrato perché meno grasso. Ma se il segreto di una buona salute si nascondesse nel latte intero?

Pressione alta, latte e yogurt per combatterla

Latte e yogurt per combattere la pressione alta: è quanto emerge da uno studio condotto negli Stati Uniti su 2.636 per diciassette lunghi anni e i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica British Journal of Nutrition. Secondo i ricercatori che hanno preso parte allo studio, consumare questi due alimenti sarebbe un metodo perfetto per combattere l’ipertensione.

Intolleranze alimentari, causa nella psiche?

Intolleranze alimentari in aumento perché frutto della psiche? E’ quello che sostiene la Dottoressa Edi Salvadori, psicopedagogista e counselor specialista del metodo Voice Dialogue. Ma sarà davvero così?

Vitamina D, 8 alimenti dove si trova (FOTO)

La vitamina D è uno dei nutrienti più importanti per il nostro organismo: ci aiuta a mantenere sane le ossa ed il nostro apparato muscolare, è in grado di rallentare il declino cognitivo e non solo tiene lontana da noi molte patologie, ma è anche capace di rallentare l’invecchiamento cutaneo. Vediamo insieme 8 alimenti nei quali possiamo trovarla.

Latte biologico carente di elementi nutritivi?

Il latte biologico, proveniente da allevamenti selezionati e naturali è carente rispetto a quello prodotto industrialmente di zinco, iodio ed altri elementi importanti per la nostra salute? Sembra un pesce d’aprile fuori stagione, ma in realtà è il risultato di uno studio condotto da un gruppo di ricercatori spagnoli.

Calcio alimenti che lo contengono, fabbisogno e benefici

Il calcio è un minerale molto importante per la nostra salute. L’organismo, infatti, ne ha bisogno per mantenere forti le ossa, ma anche per consentire il passaggio delle informazioni dal cervello al corpo attraverso i nervi e il rilascio di enzimi e ormoni. Il periodo della vita in cui si richiede un più alto fabbisogno di questo minerale è nell’infanzia, ma anche durante la gravidanza e l’adolescenza.

Intolleranza al lattosio: cosa mangiare e alimenti da evitare

L’intolleranza al lattosio è un disturbo molto comune, che colpisce quasi il 70% della popolazione del sud Europa. Si manifesta con l’incapacità da parte dell’organismo di digerire il lattosio, uno zucchero contenuto nel latte. L’intolleranza al lattosio si presenta spesso nell’infanzia, in genere durante la crescita tenda a risolversi, oppure in età adulta ed è determinata dalla carenza dell’enzima lattasi (ha il compito di metabolizzare questo zucchero). I sintomi sono gonfiore, tensione addominale, meteorismo, flatulenza e diarrea.

Osteoporosi, latte quale fonte di calcio, fa bene?

Torniamo a parlare del latte e delle sue proprietà anche in riferimento ad un dubbio importante: il latte fa bene o fa male? Affrontiamo il disorso  soprattutto in riferimento all’osteoporosi e alle alte quantità di calcio che questo alimento contiene e che dunque dovrebbe essere essenziale in tale patologia. Ma è effettivamente così? Vediamo nel dettaglio il ruolo del latte nell’osteoporosi con l’ausilio di un’esperta.

Il latte fa bene o fa male?

Il latte fa bene o fa male? Di base sappiamo che questo alimento è ricco di proprietà nutrizionali delle quali sembra impossibile fare a meno. Al contempo è facile sentir parlare di un’allergia o un’ intolleranza al latte vaccino. Dunque? In assoluto nulla va considerato bianco o nero, positivo o negativo, neppure il cibo: dipende sempre dall’uso che se ne fa, dalle quantità che si assumono, dalle esigenze fisiologiche e nutrizionali o da particolari condizioni di salute. Ne abbiamo parlato con una esperta, la dottoressa Maria Assunta Coppola Nutrizionista e biotecnologa, ma prima ancora abbiamo valutato la composizione di questo alimento.