Due farmaci contro l’osteosarcoma

Curare l’osteosarcoma con nuovo cocktail di farmaci composto da due medicinali a bersaglio molecolare. E’ questo ciò che suggerisce il dott. Giovanni Grignani dell’Irccs di Candiolo attraverso uno studio pubblicato sulla rivista di settore The Lancet Oncology.

10 film storici che raccontano il cancro

Di film che raccontano il cancro, nella cinematografia, ce ne sono stati a bizzeffe. Alcuni sono rimasti nella storia, per quelle emozioni che sono riusciti a suscitare e che ancora oggi gli spettatori si portano dentro, altri sono invece passati nel dimenticatoio, come molto spesso succede. Ma quando un film è fatto bene ecco che la storia di un malato terminale di cancro può trasformarsi in una emozione forte, da custodire dentro noi stessi. Quali sono i 10 film storici che negli anni hanno raccontato il cancro?

Osteosarcoma

Osteosarcoma

L’osteosarcoma è un cancro (tumore maligno) alle ossa che di solito si sviluppa durante il periodo di rapida crescita che si verifica nell’adolescenza.

CAUSE: L’osteosarcoma è il tumore osseo più comune nei giovani. L’età media è di 15 anni. Ragazzi e ragazze hanno un’incidenza simile fino alla tarda adolescenza, quando i ragazzi sono più comunemente colpiti. La causa non è nota. In alcuni casi, l’osteosarcoma è ereditario, e almeno un gene è stato collegato al rischio aumentato. Questo gene è associato anche al retinoblastoma, un tumore dell’occhio che si verifica nei bambini.

Protesi elettronica: impiantata in un bimbo con tumore al femore

Un bambino di 11 anni nei giorni scorsi ha subito un intervento chirurgico particolare: al posto del suo femore, colpito da un tumore alle ossa (un osteosarcoma) è stata impiantata una protesi in titanio, creata appositamente per lui, su misura, e caratterizzata da un mini dispositivo elettronico capace di far crescere l’impianto insieme al giovane paziente. E’ accaduto la settimana scorsa presso il Policlinico Agostino Gemelli di Roma. L’intervento che ha coinvolto un team di chirurghi vascolari ed ortopedici è durato circa 5 ore. In Italia si tratta del 7° impianto di questo tipo (3 casi a Milano, 1 a Napoli, 1 a Brescia e 1 a Torino), il primo in assoluto nella Regione Lazio.

Spiega il Dott. Giulio Maccauro, responsabile dell’Unità operativa di Oncologia Ortopedica presso l’UOC di Ortopedia del Gemelli, che ha guidato l’intervento in sala operatoria:

Morbo di Paget

Morbo di Paget

Il morbo di Paget, chiamato anche malattia di Paget ossea o osteite deformante, è una malattia che comporta la distruzione e la ricrescita ossea anormale, che provoca deformità.

CAUSE: La causa della malattia di Paget è sconosciuta, anche se potrebbe avere a che fare con i geni o un’infezione virale nei primi anni di vita. La malattia si manifesta in tutto il mondo, ma è più comune in Europa, Australia e Nuova Zelanda. Nelle persone con malattia di Paget, vi è una ripartizione anomala del tessuto osseo, seguita dalla formazione ossea anormale. Il nuovo osso è più grande, ma indebolito e pieno di nuovi vasi sanguigni.

Inventata tecnica di “spionaggio” per combattere il cancro

Come i vampiri, i tumori cancerogeni richiedono un ampio rifornimento di sangue per rimanere in vita. Senza sangue fresco per il proprio sostentamento, le cellule tumorali si accartocciano su come uva passa e muoiono. A tal fine, il dottor Ronit Satchi-Fainaro del Dipartimento della Tel Aviv University di Fisiologia e Farmacologia alla Sackler School of Medicine, e il suo team di ricercatori ha sviluppato un nuovo vettore di farmaci per “avvelenare” il tumore.

Questa nuova tecnica può alleviare forme particolarmente sgradevoli di tumori, come l’osteosarcoma e le metastasi ossee. Il dr. Satchi-Fainaro ritiene che la sua tecnologia può anche combattere la resistenza ai farmaci anti-cancro come il Taxol, mantenendo le altre cellule normali sane attorno al tumore reso innocuo.

I risultati potrebbero essere applicati a qualsiasi tipo di tumore e possono migliorare l’efficacia della lotta dei farmaci moderni contro il cancro.