Contro l’invecchiamento patatine fritte in extravergine?

Un metodo gustoso per fermare l’invecchiamento? Le patatine fritte cotte nell’olio extravergine sembrerebbero rispondere a tale necessità, almeno secondo uno studio condotto dagli scienziati  della facoltà di agraria dell’Università di Napoli Federico II e diffuso in una nota dall’Unaprol, consorzio olivicolo italiano.

Cancro: patatine fritte surgelate pericolose?

Il consumo di patatine fritte surgelate aumenta le possibilità di sviluppare il cancro? Non è una correlazione certa: al momento quello che si sa è che al loro interno vi è la presenza di acrilamide, una sostanza potenzialmente cancerogena. Essa si sviluppa a causa della riduzione degli zuccheri e dell’amminoacido asparagina durante la preparazione delle patatine. I ricercatori del Dipartimento di Scienze Alimentari e Nutrizionali dell’Università di Reading spiegano come evitare tale problema.

Junk food, quando mamma e papà non ci sono i figli ballano…

La pubblicità, è innegabile, ha il suo fascino, soprattutto quando si tratta di prodotti golosi e allettanti per il nostro palato, oggi meglio noti con il termine di junk food, ovvero, cibo spazzatura. I bambini, inoltre, sono più sensibili a certi stimoli e quando i genitori non ci sono… a tavola è un trionfo di patatine e bibite gassate.

Dipendenze: patatine come la cannabis

Se non riuscite a smettere di mangiare patatine è normale: ne siete diventati dipendenti. Ma non vi preoccupate, lo siamo quasi tutti. E’ quanto emerge da un recente studio effettuato presso il Dipartimento di Drug Discovery and Development dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, in collaborazione con l’Università della California di Irvine, secondo cui le patatine fritte provocano, all’interno dell’intestino, la produzione di endocannabinoidi, delle sostanze che portano la dipendenza allo stesso livello dei cannabinoidi come la marjuana.